Rottamazione cartelle: slitta al 1° ottobre la scadenza della rata di fine settembre

Slitta a lunedì 1° ottobre la scadenza per il pagamento della seconda e quinta rata della rottamazione cartelle Equitalia prevista per il 30 settembre. Lo ha comunicato l’Agenzia delle Entrate-Riscossione con un avviso ai contribuenti sul proprio sito web.

Rottamazione cartelle: slitta al 1° ottobre la scadenza della rata di fine settembre

Per i contribuenti che hanno aderito alla rottamazione cartelle Equitalia slitta al 1° ottobre 2018 la rata in scadenza domenica 30 settembre.

Vista la coincidenza della scadenza con il giorno festivo, l’Agenzia delle Entrate Riscossione ha pubblicato un avviso per informare i contribuenti sullo slittamento del termine ultimo entro cui effettuare il pagamento delle rate della rottamazione cartelle.

Rottamazione cartelle: slitta al 1° ottobre la scadenza di seconda e quinta rata

Per i soggetti che hanno aderito alla Definizione agevolata, alias rottamazione cartelle Equitalia, la legge prevede il versamento del solo importo residuo delle somme dovute senza corrispondere le sanzioni e gli interessi di mora. Per le multe stradali, invece, non si pagheranno gli interessi di mora e le maggiorazioni previste dalla legge.

L’Agenzia delle Entrate-Riscossione ha pubblicato un avviso sul proprio sito web dove informa che a slittare al 1° ottobre 2018 è la scadenza per il versamento delle seguenti rate:

  • la seconda rata della Definizione agevolata prevista dal Dl 148/2017 per i debiti affidati alla riscossione dal 1° gennaio al 30 settembre 2017;
  • la quinta e ultima rata della rottamazione cartelle prevista dal Dl 193/2016.

In caso di mancato, insufficiente o tardivo pagamento, la definizione agevolata non produce effetti e l’Agenzia delle Entrate-Riscossione dovrà riprendere le procedure di riscossione.

Proroga scadenza rottamazione bis nel Milleproroghe 2018?

C’è da dire che si sta creando un po’ di confusione riguardo le scadenze della rottamazione bis. Fino a qualche giorno fa infatti sembrava che il Governo dovesse prorogare a dicembre 2018 la scadenza delle rate della rottamazione bis di settembre, ottobre e novembre.

Ma nel testo del Decreto Milleproroghe 2018 approvato alla Camera e in attesa del giudizio del Senato non è stato inserito l’emendamento sulla proroga della scadenza a dicembre 2018 per le rate della rottamazione, tra l’altro proposto proprio dalla Maggioranza.

Non si sa quale sia il motivo della mancata proroga, tuttavia è ancora tutto in forse, nell’attesa che si concluda il ping pong tra Camera e Senato e il testo del Decreto Milleproroghe 2018 sia definitivamente convertito in legge.

Che ci sia un collegamento tra la mancata proroga della scadenza della rottamazione bis e la sempre più vicina e attesa pace fiscale 2019?

Si potrebbe ipotizzare di tutto, ad esempio viene da pensare che il Governo del Cambiamento abbia ritirato l’emendamento proposto relativo alla proroga delle rate a dicembre 2018 perché troppo a ridosso con l’avvio della pace fiscale dal 1° gennaio 2019.

Sarà un modo per mettere alla prova quei contribuenti che hanno aderito alla rottamazione delle cartelle introdotta dal Governo Renzi e devono ancora provvedere a sanare il loro debito col Fisco?

Certo è che in generale la pace fiscale risulta la via più conveniente, soprattutto tenendo conto delle ultime novità secondo cui si starebbe pensando di estenderla alle cartelle esattoriali con importo fino a 1 milione di euro.

Ma per capire i soggetti ammessi e quelli invece esclusi bisognerà attendere l’approvazione del testo della Legge di Bilancio 2019 contenente, tra le altre cose, le relative misure definitive in materia di pace fiscale.

Iscriviti alla newsletter "Fisco" per ricevere le news su Rottamazione cartelle Equitalia

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.