Azioni Tods: l’operatività dopo il crollo a Piazza Affari

Il titolo del settore del lusso torna ai livelli registrati nel mese di novembre 2016, complici i dati trimestrali poco convincenti dove è emerso un calo dei ricavi a 706 milioni di euro. Impostiamo la strategia operativa

Azioni Tods: l'operatività dopo il crollo a Piazza Affari

Il titolo Tods prosegue in territorio negativo nella seduta odierna con una performance negativa pari a -11,68% ed aggiudicandosi il primo posto come titolo peggiore dell’indice FTSE Italia Mid Cap.

Il crollo di oggi è dovuto principalmente alla trimestrale poco convincente, dove è emerso un calo dei ricavi del 2,2%, scesi a 706 milioni di euro a cambi correnti. Al momento il titolo scambia a 48,72 euro per azione.


Tods, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

A livello tecnico i corsi procedono ormai da inizio 2017 con un andamento lateral ribassista, senza aver dimostrato chiaramente un struttura tecnica convincente. A tal proposito, si può delimitare questo andamento discendente con la trendline superiore che conta i massimi segnati a marzo 2017 in area 73,40 euro e quelli del mese di agosto a 63,95 euro, con la trendline inferiore che conta i minimi segnati a 54,15 a fine giugno 2017 con quelli più recenti segnati ad ottobre a 49,62 euro.

Con l’impulso negativo di oggi i corsi hanno rotto proprio questo livello dinamico inferiore portandosi al di sotto anche di un altro livello supportivo, in questo caso ascendente, che conta i minimi segnati nel gennaio 2009 e i minimi segnati nel ottobre 2016.


Tods, grafico giornaliero dal 2009. Fonte: Bloomberg

Fai trading ora con eToro Demo gratuita

Strategie operative su Tods


Elaborazione Ufficio studi di Money.it

Alla luce del quadro tecnico di Tods si vuole privilegiare un’operatività di tipo short, ma solo in caso di un ritracciamento delle quotazioni verso i precedenti livelli tecnici violati.

In particolare si potrebbero attendere segnali di natura ribassista nei pressi della trendline discendente precedentemente menzionata ora transitante a 49,56 in prossimità del minimo di breve periodo segnato lo scorso 11 ottobre. Lo stop loss in questo caso potrebbe essere posizionato a 51,35 minimo della seduta del 26 ottobre.

Un primo obiettivo di profitto potrebbe essere identificato a 47 euro, mentre un obiettivo più ambizioso a 45,80 euro, prossimo livello supportivo che conta i minimi segnati nei mesi di luglio e ottobre 2016.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su analisi tecnica

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.