Wall Street chiude in calo, mercoledì nero per la borsa americana

Wall Street registra una chiusura in picchiata, per il Nasdaq (a -4,43%) il peggior calo dall’estate 2011. Male il settore tecnologico

Wall Street chiude in calo, mercoledì nero per la borsa americana

Pagina nera quella di oggi per Wall Street, il forte calo registrato in chiusura ha cancellato i guadagni di tutto il 2018.

A soffrire è soprattutto il settore tecnologico, con il Nasdaq Composite che ha perso il 4,43% a 7.108,40 punti: il peggior calo giornaliero registrato dal mese di agosto 2011. Netflix è crollato di oltre il 9%. Il Dow Jones è sceso di oltre 600 punti, un calo del 2,4%. L’S&P500 invece ha perso oltre il 3%.

Crollo Wall Street, preoccupazioni agitano il mercato statunitense

Negli ultimi giorni sono state numerose le motivazioni che hanno scosso Wall Street: dall’aumento dei tassi di interesse alla crescente regolamentazione sulla privacy che sta interessando i colossi della tecnologia, dopo lo scandalo dei dati personali diffusi da Facebook, fino all’intensificarsi della guerra commerciale con la Cina.

A questo si aggiungono le tensioni delle ultime ore alimentate dai pacchi bomba recapitati a esponenti democratici: Clinton, Barack Obama e alla Cnn, o ancora il caso del giornalista saudita Jamal Khashoggi che rischia di rovinare i rapporti con Turchia e Arabia Saudita. Tali episodi hanno tutti contribuito ad agitare gli animi.

Non fanno bene ai mercati neanche le dichiarazioni di Donald Trump che continua ad accusare la Fed e il suo presidente Jerome Powell di rovinare l’economia del Paese. Secondo gli analisti, questo atteggiamento potrebbe portare la Banca centrale ad alzare ulteriormente i tassi d’interesse a dimostrazione della propria autonomia.

Intanto, i titoli tecnologici ne hanno risentito: le azioni di Facebook sono calate del 4%. Amazon ha perso il 5%. Anche Apple, multata dall’Antitrust, ha registrato un calo di circa il 3%.

Stessa sorte per Google, che ha dovuto affrontare i problemi di privacy che hanno danneggiato Facebook, in particolare in relazione al suo canale YouTube.

Iscriviti alla newsletter

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.