Unico PF 2015, Codici Tributo Modello F24: modalità di versamento delle imposte sui redditi

Con l’avvicinarsi della scadenza per la presentazione del Modello Unico è opportuno considerare i Codici Tributo del Modello F24 e le differenti modalità di versamento delle imposte sui redditi.

Con l’avvio della campagna fiscale 2015, sono molti i contribuenti interessati alla presentazione del Modello Unico PF 2015, per il calcolo e il pagamento delle imposte sui redditi.

I contribuenti, titolari di Partita IVA e non, che presentano l’Unico PF 2015, devono tenere presenti, anche in considerazione del pagamento delle rate, previsto per l’estinzione delle imposte, i Codici Tributo del Modello F24, utili per il versamento dei tributi e dei relativi interessi e acconti, nonché le differenti modalità di versamento che possono essere utilizzate, in base allo specifico regime fiscale.

Modello F24: modalità di compilazione
Per quanto riguarda la compilazione del Modello F24 per il versamento delle imposte sui redditi, emerse dalla redazione del Modello Unico PF 2015, occorre ricordare che:

  • gli interessi relativi agli importi a debito rateizzati di ciascuna sezione vanno esposti cumulativamente in un unico rigo della stessa sezione, utilizzando l’apposito codice
  • tributo;
  • in corrispondenza di ciascun rigo, è possibile compilare solo una delle due colonne “importi a debito” e “importi a credito”, cioè sullo stesso rigo può comparire un
  • solo importo;
  • l’importo minimo da indicare relativamente ad ogni singolo codice tributo è pari a 1,03 euro;
  • nel campo rateazione vanno indicati il numero della rata che si sta pagando e quello complessivo delle rate (ad esempio, se si versa la seconda di sei rate, bisogna indicare 0206); quando si versa in unica soluzione, va scritto 0101;
  • se si compilano le sezioni “Regioni” e/o “IMU ed altri tributi locali”, va riportato il codice che identifica la Regione e/o l’Ente locale destinatario del versamento;
  • chi effettua il pagamento per altri soggetti (tutore, curatore, genitore, erede) deve indicare i dati identificativi del contribuente, il proprio codice fiscale e il “codice identificativo” (ad esempio, “02” genitore, “03” curatore fallimentare, “07” erede, ecc.), e firmare il modello.

Modello F24: presentazione cartacea e telematica
In linea generale, i contribuenti non titolari di Partita IVA possono versare i tributi con modello F24, o in modalità telematica o presentando l’F24, in modalità cartacea, presso gli uffici postali, presso l’Agenzia delle Entrate o presso le banche convenzionate. I contribuenti titolari di Partita IVA, invece, devono utilizzare le sole modalità telematiche.
Anche in caso di utilizzo di crediti in compensazione, la possibilità di utilizzare il Modello F24 cartaceo si è notevolmente ridotta e sono previste le seguenti eventualità:

  • se il saldo finale, a seguito di compensazione, è uguale a 0, occorre avvalersi, direttamente o tramite intermediario, dei soli servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate;
  • se, in presenza di crediti compensati, il saldo finale è maggiore di 0, si possono utilizzare anche quelli messi a disposizione da banche e Poste;

Anche nel caso in cui il modello F24 abbia un saldo superiore a 1000 euro è prevista la sola possibilità di utilizzare i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, o l’Home Banking, per il pagamento del Modello F24.
La presentazione del Modello F24 cartaceo, rimane, quindi, possibile, per i soli contribuenti non titolari di Partita IVA, che devono effettuare un versamento inferiore ai 1000 euro, in cui non sono presenti compensazioni.

Titolari Partita IVA

Versamento Cartaceo Servizi Agenzia delle Entrate Internet Banking
F24 con saldo finale a debito NO SI SI
F24 con saldo pari a zero NO SI NO
F24 compensando crediti Iva superiori a 5.000 euro annui NO SI NO

Non titolari di Partita IVA

Versamento Cartaceo Servizi Agenzia delle Entrate Internet Banking
F24 con saldo pari a zero NO SI NO
F24 con saldo finale a debito e con compensazioni effettuate NO SI SI
F24 con saldo a debito superiore a 1.000 euro NO SI SI
F24 senza compensazioni e con saldo non superiore a 1.000 euro SI SI SI

Modello F24: i codici tributo per i versamenti delle imposte di Unico PF 2015
Per la compilazione del Modello F24, sia in modalità cartacea che telematica, si utilizzano i seguenti codici tributi, in base alla specifica causale di versamento e alle differenti scadenze:

Imposta Adempimento Prima scadenza entro il 16 Giugno 2015 o entro il 16 Luglio 2015 con maggiorazione dello 0,40% Scadenza entro il 30 Novembre 2015 Interessi per pagamento rateale
Irpef Saldo 2014 4001 1668
Irpef Acconto 2015 (prima rata) 4033 1668
Irpef Acconto 2015 (seconda o unica rata) 4034
Cedolare Secca Saldo 2014 1842 1668
Cedolare Secca Acconto 2015 (prima rata) 1840 1668
Cedolare Secca Acconto 2015 (seconda o unica rata) 1841
Nuovi Minimi Saldo 2014 1795 1668
Nuovi Minimi Acconto 2015 (prima rata) 1793 1668
Nuovi Minimi Acconto 2015 (seconda o unica rata) 1794
Addizionale Regionale Saldo 2014 3801 3805
Addizionale Comunale Saldo 2014 3844 3857
Addizionale Comunale Acconto 2015 3843 3857

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories