Tolo Tolo: può il film di Checco Zalone influenzare le prossime elezioni regionali?

Checco Zalone con il suo Tolo Tolo, oltre che per gli incassi da capogiro al cinema, sta facendo parlare anche per le polemiche politiche: visto il successo, il film potrà incidere sulle elezioni in Emilia Romagna e in Calabria del 26 gennaio?

Tolo Tolo: può il film di Checco Zalone influenzare le prossime elezioni regionali?

Sta continuando a battere ogni record di incassi Tolo Tolo, il nuovo film di Luca Medici in arte Checco Zalone che in soli cinque giorni di programmazione ha già fatto registrare incassi pari a 34 milioni di euro.

L’ultima fatica dell’attore comico ha sollevato anche un polverone politico: se in un primo momento il trailer di Tolo Tolo è stato accusato di razzismo, dopo l’uscita al cinema è stata la destra a scagliarsi contro la pellicola bollandola come buonista e di sinistra.

Leggi anche: Quanto guadagna Checco Zalone

L’immigrazione infatti è il tema principale del film, con il protagonista interpretato dallo stesso Zalone che intraprende un viaggio dal Kenya insieme ad altri migranti per cercare di tornare a casa dopo la distruzione da parte di terroristi del villaggio vacanze dove lavorava.

Con ben oltre mezzo milione di persone che di media ogni giorno hanno finora visto il film, Checco Zalone ha voluto fare un’opera che fosse a sua detta “la metafora del nostro egoismo congenito visto comicamente”, in qualche modo sbeffeggiando e criticando la politica dei porti chiusi.

Tolo Tolo è arrivato nelle sale in un momento politico molto delicato, con il futuro del governo giallorosso che molto dipenderà dall’esito delle elezioni regionali del 26 gennaio in Emilia Romagna e in Calabria: visto il grande successo e l’attualità del tema, questo film potrà in qualche modo condizionare l’esito del voto?

L’impatto di Checco Zalone sulle elezioni regionali

“Hanno fatto la truffa della canzoncina sovranista prima dell’uscita del film. Quella è stata una vera truffa per portare un certo pubblico nelle sale cinematografiche. Si tratta di una storiellina buonista, scontata, banale”.

Così Ignazio La Russa ha definito Tolo Tolo e, con ogni probabilità, l’esponente di Fratelli d’Italia ha colto in pieno quella che può essere stata la genialità del film a partire dal suo trailer, che paradossalmente era stata tacciato di razzismo.

Un po’ come fece Gianni Amelio nel 1994 con il suo Lamerica, Checco Zalone non rinunciando alla sua comicità ha voluto raccontare il viaggio della speranza dei migranti vissuto in prima persona da un italiano.

Tolo Tolo è stato in questi giorni fortemente criticato da diversi esponenti della destra nostrana, con tanti elettori di centrodestra che in qualche modo sono stati invogliati ad andare al cinema dal trailer populista trovandosi di fronte poi a una pellicola probabilmente diversa da quella che si aspettavano.

Nel 2006 per Nanni Moretti fu un’autentica corsa contro il tempo per portare al cinema il suo Il Caimano prima delle elezioni politiche del 9 e 10 aprile, poi vinte da Romano Prodi, con tante polemiche da parte del centrodestra che chiese di posticipare la sua uscita rispetto al voto visto che l’opera era una forte critica a Silvio Berlusconi.

Con le elezioni regionali in Emilia Romagna e Calabria ormai alle porte, la domanda ora è se Tolo Tolo possa in qualche modo influenzare un voto che si preannuncia essere molto equilibrato dal quale potrebbe dipendere anche il destino del governo.

Senza dubbio molti elettori indecisi delle due regioni hanno visto o vedranno il film, con le opere comiche che spesso per la loro leggerezza possono essere anche più incisive di quelle drammatici.

Ovviamente Checco Zalone con questo film non ha voluto fare politica, ma raccontare una storia con il suo solito surreale punto di vista: “Spero che si capisca il paradosso. La poesia. Il ribaltamento dello schema”, ha dichiarato.

In un periodo di grande vacuità della nostra politica, tuttavia, anche un film può incidere - e molto - sull’opinione pubblica specie se il messaggio arriva dal comico più popolare e amato, in maniera trasversale, del momento.

Un fatto è certo: le prossime elezioni rimangono un tema molto più delicato e complesso anche se a volte un film, un libro o una canzone, possono essere più determinanti di cento comizi.

Iscriviti alla newsletter Notizie e Approfondimenti per ricevere le news su Elezioni regionali 2020

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.