Sky vs Google: via IPTV dai risultati di ricerca

Sky vuole rimuovere da Google tutti i risultati di ricerca riguardanti IPTV e altri metodi di streaming illegale per guardare la Serie A e i programmi della rete.

Sky vs Google: via IPTV dai risultati di ricerca

IPTV sempre più a rischio. Il sistema di TV illegale per guardare le serie A e i canali di Sky gratis è al centro di una diatriba che vede protagonista Sky e Google. Il colosso televisivo satellitare vuole bloccare IPTV per sempre e questa battaglia vede come protagonista proprio il social network più famoso al mondo.

Sono tantissime infatti le richieste fatte da Sky a Google che chiedono di bloccare e oscurare, nei risultati di ricerca, tutti quei siti web che contengono i provider di IPTV. L’obiettivo è impedire agli utenti di utilizzare questo sistema per aggirare l’abbonamento a Sky: zero risultati per chi cerca su Google un metodo illegale per guardare una partita o un programma trasmesso in esclusiva sull’emittente privata.

Ti potrebbe interessare No Freeze Iptv bloccato? Migliori app e liste Iptv in Italia

IPTV: Sky contro Google per battere la pirateria illegale

Sky non è sola: sono diverse infatti le società interessate a cancellare definitivamente dalla mappa dei risultati di ricerca su Google queste piattaforme, attualmente accessibili a tutti.

Nelle scorse settimane, secondo quanto riferito da Torrentfreak, Sky ha inviato diversi messaggi e notifiche di rimozione a Google, colpevole secondo l’azienda di aver indicizzato migliaia di URL contenenti i siti web fornitori di IPTV e guide per gli utenti interessati in tutto il mondo.

Una singola richiesta di Sky, per riportare un esempio, conterebbe circa 500 URL e link giudicati fraudolenti e colpevoli di contenere riferimenti a EpicIPTV, Enjoy-IPTV- TalentIPTV, BestIPTV. Le segnalazioni a Google sono tantissime e tutte diverse: Sky non si arrende e anzi, mira alla rimozione di tutti i portali contenenti non solo link d’uso diretti, ma anche FAQ e consigli sull’argomento. Sky Italia è in testa nelle segnalazioni, seguita subito dopo da Sky UK.

Leggi anche Sky in streaming con Now TV: come funziona, costi e contenuti

Anche se le attività di pirateria tramite IPTV sono, tecnicamente, svolte altrove Sky mantiene ferma la sua intenzione di rimuovere da Google l’argomento, che resterebbe consultabile solo attraverso fonti di informazioni alternative e non affidate al popolare sistema di ricerca americano.

Come si comporta Google? La grande G respinge alcune notifiche inviate da Sky per ragioni sconosciute, probabilmente proprio i siti contenenti solo informazioni in merito a IPTV e non link diretti, mentre altre richieste sono state accolte.

Non mancano le proteste: sono molti gli utenti, specie attivisti, in prima linea per la difesa della libertà digitale sul web e che vedono, nei metodi applicati da Sky e nel braccio di ferro con Google, una vera e propria forma di censura. Sono sopratutto le testate giornalistiche di informazione tecnologica, che spesso trattano in maniera approfondita questi temi, a infuriarsi, non offrendo direttamente l’accesso o il metodo diretto per piratare Sky e altri emittenti private.

La situazione è attualmente sotto controllo, nonostante la pressione crescente di Sky: Google, come detto, ha in parte accolto le richieste ma continua ad applicare le proprie linee guida a tutela degli utenti e della libera ricerca sul web. È chiaro che la guerra tra Sky e IPTV è appena cominciata.

Iscriviti alla newsletter Tecnologia per ricevere le news su sky italia

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.