Maturità ed esami di Terza Media, a.s. 2017-2018: date svelate dal MIUR

Simone Micocci

10 Agosto 2017 - 12:46

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Il MIUR ha ufficializzato le date della Maturità e dell’esame di Terza Media per l’a.s. 2017-2018: ecco cosa cambierà dal prossimo anno.

Che giorno è l’esame di Maturità 2018? E quello di Terza Media?

Con l’Ordinanza Ministeriale n°533 del 2017, il MIUR ha fatto chiarezza sulle date degli esami di Terza Media e di Maturità previsti per l’anno scolastico 2017-2018. Un’informazione importante che completa il quadro del calendario scolastico pubblicato in questi mesi.

Con la stessa Ordinanza il Ministero dell’Istruzione ha ufficializzato le date delle festività del prossimo anno scolastico, indicando i giorni in cui le scuole resteranno chiuse. Insomma, l’inizio del nuovo anno si avvicina e l’ufficializzazione delle date della Maturità e dell’esame di Terza Media lo dimostra.

Un anno scolastico che sarà ricco di novità, poiché cominceranno ad essere attuate le deleghe della Buona Scuola approvate dal MIUR nei mesi scorsi. Alcune di queste novità riguarderanno proprio gli esami della scuola secondaria, ma solo quelli di Terza Media visto che per la riforma della Maturità ci sarà da aspettare un altro anno.

Date Maturità ed esame di Terza Media: il calendario per l’a.s. 2017/2018

Sono le singole regioni a decidere le date di inizio e fine della scuola, nel rispetto delle linee guida pubblicate dal Ministero dell’Istruzione.

Anche per gli esami di terza media il MIUR lascia libertà alle scuole, stabilendo però un periodo entro il quale questi devono essere completati. Per quanto riguarda l’esame di Maturità, invece, le date vengono scelte direttamente negli uffici di viale Trastevere e sono uguali per tutto il territorio nazionale.

Nel dettaglio, come indicato dal MIUR nell’Ordinanza Ministeriale n°533 inviata alle scuole lo scorso 1° agosto, nell’a.s. 2017-2018 gli esami della scuola secondaria di I e II grado si svolgeranno nelle seguenti date:

  • Esame di terza media: deve svolgersi nel periodo compreso tra l’ultimo giorno di lezione (che varia a seconda del calendario scolastico delle propria Regione) e il 30 giugno 2018.
  • Esame di Maturità: prima prova mercoledì 20 giugno, seconda prova giovedì 21 giugno e terza prova (che verrà abolita nel 2019) lunedì 25 giugno.

Con lo stessa Ordinanza il MIUR ha ufficializzato le date delle festività. La scuola resterà chiusa nei seguenti giorni (ai quali si aggiungono i periodi di vacanza e ponti indicati nel calendario scolastico della propria Regione):

  • mercoledì 1° novembre 2017: festa Ognissanti;
  • venerdì 8 dicembre 2017: festa dell’Immacolata Concezione;
  • lunedì 25 dicembre: Natale 2017;
  • sabato 6 gennaio 2018: Epifania;
  • lunedì 2 aprile 2018: Pasquetta;
  • mercoledì 25 aprile 2018: Festa della Liberazione;
  • martedì 1° maggio 2018: Festa del Lavoro;
  • sabato 2 giugno 2018: Festa della Repubblica.

Per tutte le altre date e per le informazioni su quando inizia la scuola, potete consultare i calendari scolastici 2017-2018 pubblicati dalle singole Regioni.

Come cambia l’esame di Terza Media?

Da quest’anno debutteranno le nuove regole per l’esame di Terza Media, indicate nella delega della Buona Scuola in materia di valutazione e certificazione delle competenze nel primo ciclo.

Qui viene stabilito che d’ora in avanti l’esame finale della scuola secondaria di I grado dovrà essere così strutturato:

  • tre prove scritte (italiano, matematica e lingua straniera);
  • prova orale;
  • prove INVALSI (computer based) svolte durante l’anno e costituiscono un requisito imprescindibile per l’ammissione. Inoltre, al test di Italiano e Matematica si aggiunge quello di Inglese;
  • voto dell’esame risultato della media tra il voto di ammissione e la media dei risultati ottenuti alle singole prove d’esame.

Con la stessa legge delega sono sono stati riformati gli esami di Maturità, dai quali è stata eliminata la terza prova. Al suo posto però è stata introdotta la Prova Invalsi, che così come accade in Terza Media verrà svolta durante l’anno e sarà requisito fondamentale per l’ammissione.

Cambia anche la distribuzione dei crediti scolastici che passano da 25 a 40 proprio per compensare l’eliminazione della terza prova. Nel dettaglio, il massimo di crediti conseguibili nel terzo anno è pari a 12, 13 per il quarto anno e infine 15 per il quinto.

Dall’esame orale scompare la tesina che viene sostituita da una breve relazione - o un elaborato multimediale - sull’esperienza di alternanza scuola-lavoro.

Per adattarsi alle novità dell’esame di Maturità però le scuole avranno ancora del tempo a disposizione: a differenza di quanto accade per la Terza Media, infatti, la riforma sarà operativa solamente dall’a.s. 2018-2019.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories