Borse UE in rialzo in attesa del ritorno di Super Mario. Mediaset vola a piazza Affari

Borse europee in rialzo in attesa delle decisioni della BCE. Mediaset vola sulla Borsa Italiana. Il petrolio guadagna quasi il 4% dopo il dato sulle scorte USA.

Le Borse europee si muovono a rialzo nel giorno della vigilia del primo evento più importante del 2016: la riunione della BCE. Per domani analisti e operatori sono carichi di aspettative dopo essere rimasti delusi dalle ultime decisioni di politica monetaria dell’istituto di Francoforte.

Le esternazioni nelle ultime settimane di membri del board della Banca centrale e dello stesso Mario Draghi hanno aumentato a dismisura le aspettative del mercato sulla riunione di domani. La “posta in gioco è alta” sostiene JpMorgan, Draghi deve tornare ad essere Super Mario dichiara Schroders.

Tanti sono gli analisti che hanno dichiarato di aspettarsi un nuovo taglio dei tassi e un aumento monetario del QE, pochi sono quelli che hanno avvertito invece del pericolo di rimanere delusi dalla BCE. La Borsa Italiana respira in attesa di Draghi, spinta a rialzo da alcuni bancari, Mediaset e Enel.

Borse europee: attesa alle stelle per la riunione della BCE

Sui mercati europei sale l’attesa per la riunione della BCE. Operatori e investitori hanno le lancette degli orologi puntate alle 13:45 di domani, quando l’istituto di Francoforte renderà noti i tassi a cui seguirà la consueta conferenza stampa di Mario Draghi.

Le attese sono elevate, nonostante case d’affari come Deutsche Bank e Investec invitino gli operatori a non eccedere nelle aspettative con il rischio di rimanere delusi.

La maggior parte degli economisti però si aspetta sicuramente un taglio dei tassi di interesse e un aumento monetario del QE nell’ordine di 10€-20€ miliardi al mese.

Riunione BCE: non ci sarà aumento del QE - Intesa San Paolo

Stima a cui si uniscono gli esperti di Intesa San Paolo, convinti che la BCE taglierà i tassi di deposito secondo uno schema multiple-tier e un allentamento al limite di tipologie di asset acquistabili.

Inoltre, gli analisti di Intesa allontanano l’ipotesi un aumento quantitativo del QE aspettandosi al massimo nuove LTRO a 2 anni per smussare salti di liquidità all’interno del sistema.

Riunione BCE: taglio dei tassi e aumento del QE - Bank of America

Più decisa la stima di Bank of America che ha ribadito la sua view di un taglio dei tassi di deposito di 10 punti base, un aumento del QE di 10€ miliardi al mese e un’estensione dello stesso fino a settembre 2017.

Secondo gli analisti di BofA, l’aumento del QE sarà il piatto forte della conferenza di Draghi, il quale ribadirà che la BCE farà di più in caso di necessità future.

Riunione BCE: Schroders invoca Super Mario, Bini Smaghi le riforme strutturali

Schroders invece invoca il ritorno di Super Mario, soprannome che ha perso smalto nell’ultima riunione di dicembre della BCE.

Gli analisti della casa d’affari sperano che Draghi tornerà a far valere il soprannome datogli dal mercato, sorprendendo in positivo quest’ultimo.

Infine Lorenzo Bini Smaghi, ex membro del board BCE, ha dichiarato a Radio 24 che il QE da solo non basta poiché incapace di creare domanda. Bini Smaghi ha così suggerito l’utilizzo di riforme strutturali e di permettere ai Paesi con maggior spazio per manovre di spesa pubblica di poterle attuare.

Borse: petrolio sale nonostante scorte USA oltre le attese

Il petrolio è in rialzo nell’attesa della BCE e in scia della pubblicazione dei dati sulle scorte di petrolio greggio statunitensi.

Il Brent al momento segna un +3,3% a quota 40,95$ mentre il WTI sale del 3,86% pari ad un prezzo di 37,88$ a barile.

Borse: Wall Street in verde, Cac 40 guida i rialzi dei listini europei

Wall Street segue l’andamento del petrolio e delle Borse europee. Il Nasdaq registra un rialzo del +0,55%, lo S&P500 del +0,64% e il Dow Jones del +0,44%.

Sul fronte europeo invece, il Cac 40 guida i rialzi delle Borse del Vecchio Continente con un allungo del +0,68%, seguito dal Dax e dall’Ibex in salita del +0,49% e dal Ftse 100 del +0,32%. Bene l’EuroStoxx 50 che invece guadagna lo 0,67%.

Borsa Italiana: Mediaset vola di oltre il 7%. In rosso B.Popolare

Il Ftse Mib amplifica i rialzi di oggi delle piazze europee. Al momento il listino milanese sale del +1,48%, trainato dai rialzi di Mediaset (+7,14%) che è spinta a rialzo dalle indiscrezioni su una Joint Venture con Vivendi, Unipol (+4%) ed Enel (+3,26%).

Salgono anche le quotazioni di Telecom (+2,55%) dopo che il presidente francese François Hollande ha aperto le porte ad una fusione con Orange.

Il peggior titolo di oggi è quello di Banco Popolare (+2,55%) che attende novità sul deal con BPM, seguito da Buzzi Unicem (-1,55%) e Anima holding (-1,24%).

Sul Mid-Cap si segnalano i rialzi di De’Longhi (+2,62%) e Recordati (+1,74%) mentre scendono le quotazioni di Astaldi dopo i conti (-4,09%) e Saras (-3,56%), Male anche Carige che segna un -2,64%.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories