Analisi tecnica e Grafico: EUR/AUD (Euro/Dollaro australiano)

Pubblicato il 12 settembre 2018

Analisi tecnica e grafico EUR/AUD (Euro/Dollaro australiano)
Valori
Ultimo prezzo 1,62931
Variazione 0,01%
Max (52 settimane) 1,63545
Min (52 settimane) 1,48
Indicatori
MM200 1,57
RSI 14 77,43
MACD -0,011
Performance
1 settimana -0,98%
1 mese -3,67%
3 mesi -4,95%

Analisi Forex: EUR/AUD, primi segnali di cedimento favoriscono uno short

Le quotazioni del cross EUR/AUD ha toccato livelli che non si vedevano da fine agosto 2015. Ma il recente momentum rialzista sembra essere al capolinea

Sembra arrivato al termine il recente rialzo delle quotazioni del cross EUR/AUD. Dopo la rottura del livello statico chiave a 1,6200, i prezzi, con la candela di ieri, hanno invertito bruscamente il loro corso chiudendo in prossimità del livello di apertura, disegnando un pattern dalle implicazioni ribassiste.

I principali indicatori di momentum, come il Relative Strenght Index che staziona su valori in prossimità della soglia di ipercomprato, in confluenza con la recente price action, suggerisce un storno dei prezzi prima di un eventuale nuovo allungo.

In tal caso, è opportuno evidenziare la presenza di due livelli statici, il primo, più vicino alle quotazioni attuali, staziona a quota 1,6200 (livello rotto al rialzo con la candela del 7 settembre scorso), il secondo si trova a 1,5888, livello lasciato in eredità dal massimo segnato con la candela del 20 luglio scorso.

Alla luce della price action del cross EUR/AUD, si vuole privilegiare un’operatività di tipo short alla rottura del minimo della seduta del 10 settembre a quota 1,6225.

La rottura di tale livello potrebbe favorire la discesa dei prezzi fino al supporto statico precedentemente menzionato a 1,5888 e, se nel caso questo livello non dovesse ostacolare le forze ribassiste, una sua rottura potrebbe portare il cross a quota 1,5580, minimo segnato con la seduta del 7 agosto.

In tal caso, le forze ribassiste potrebbero essere ostacolate dalla trendline supportiva che collega il minimo segnato a 1,5275 il 4 giugno, con il minimo segnato a 1,5603 il 20 agosto scorso, ora transitante a 1,5700.

Se la view ribassista dovesse rivelarsi errata, con una chiusura decisa sopra a 1,6355, allora si potrebbe assistere ad un ulteriore impulso rialzista con primo obiettivo 1,6415 ed obiettivo finale a 1,6590, massimo di lungo periodo segnato nel mese di agosto 2015.

SCENARIO LONG

Long da 1,6191 con stop loss fissato a 1,6071, primo obiettivo a 1,6252, obiettivo finale a 1,6590.

SCENARIO SHORT

Short da 1,6071 con stop loss fissato a 1,6191, primo obiettivo a 1,5888, obiettivo finale a 1,5580.

Iscriviti ora alla newsletter di Money.it

Scopri le ultime analisi e notizie dal mondo dell’economia, della finanza e del Forex.