Analisi tecnica e Grafico: EUR/AUD (Euro/Dollaro australiano)

Pubblicato il 3 settembre 2018

Analisi tecnica e grafico EUR/AUD (Euro/Dollaro australiano)
Valori
Ultimo prezzo 1,6136
Variazione -0,42%
Max (52 settimane) 1,6191
Min (52 settimane) 1,48
Indicatori
MM200 1,57
RSI 14 75,61
MACD 0,004
Performance
1 settimana -1,73%
1 mese -2,41%
3 mesi -4,26%

Analisi Forex: EUR/AUD verso il top, una pausa prima di un nuovo allungo?

Le quotazioni del cross EUR/AUD sono quasi giunte all’area resistenziale annuale a 1,6191, ma gli indicatori di momentum suggeriscono una pausa prima di un nuovo rialzo

Delle ultime nove sedute, solo una è risultata negativa, le altre, tutte positive, hanno permesso al cross EUR/AUD di avvicinarsi all’area resistenziale annuale nei pressi di 1,6191. Data la significatività di quest’area, sarà importante monitorare la price action, a ridosso di tale livello statico.

I principali indicatori di momentum sono su valori sostenuti, come il Relative Strenght Index (RSI) che al momento della scrittura si aggira in area 75,61, poco al di sotto della soglia di ipercomprato. Tuttavia, l’attuale livello di momentum registrato dall’indicatore, anche se non al di sopra della soglia superiore, ha raggiunto valori che non vedeva dall’anno scorso, quando ha toccato quota 80 con la seduta del 17 maggio 2017.

Questi livelli di momentum, quindi, farebbero pensare ad una presa di respiro prima di un eventuale nuovo allungo verso area di massimi annuali. In tal caso, è opportuno evidenziare la presenza di un livello statico chiave a 1,5888, lasciato in eredità dal massimo segnato con la candela del 20 luglio scorso, che potrebbe funzionare come supporto per un eventuale nuovo impulso rialzista, in caso di ritracciamento delle quotazioni.

Al momento, data la posizione dell’indicatore RSI in prossimità della soglia di ipercomprato e la vicinanza dei prezzi all’area resistenziale di lungo periodo, si vuole privilegiare un’operatività di tipo short alla rottura del minimo della seduta di venerdì a 1,6053. La rottura di tale livello potrebbe favorire la discesa dei prezzi fino al supporto statico precedentemente menzionato a 1,5888 e, se nel caso questo livello non dovesse favorire una nuova ripresa delle quotazioni verso nuovi massimi, una sua rottura potrebbe portare il cross a quota 1,5580, minimo segnato con la Pin Bar del 7 agosto scorso.

In tal caso, le forze ribassiste potrebbero essere ostacolate dalla trendline supportiva che collega il minimo segnato a 1,5275 il 4 giugno, con il minimo segnato a 1,5603 il 20 agosto scorso, ora transitante a 1,5653.

Se la view ribassista dovesse rivelarsi errata, con una rottura decisa del livello resistenziale in area 1,6191, allora si potrebbe assistere ad un ulteriore impulso rialzista con obiettivo 1,6252 prima e 1,6590 dopo, massimo che non si vede da agosto 2015.

SCENARIO LONG

Long da 1,6191 con stop loss fissato a 1,6053, primo obiettivo a 1,6252, obiettivo finale a 1,6590.

SCENARIO SHORT

Short da 1,6053 con stop loss fissato a 1,6161, primo obiettivo a 1,5888, obiettivo finale a 1,5580.

Iscriviti ora alla newsletter di Money.it

Scopri le ultime analisi e notizie dal mondo dell’economia, della finanza e del Forex.