Smart Working

Lo Smart Working, da non confondere con il telelavoro, è il cosiddetto lavoro agile. Il dipendente in questo caso non viene valutato per il numero di ore di lavoro, ma per il risultato che garantisce all’azienda.

Il lavoro agile quindi si può svolgere indipendentemente dal luogo in cui ci si trova, ma solitamente il dipendente trascorre comunque una parte di tempo in ufficio per evitare l’effetto “isolamento”.

Sono sempre di più le persone che preferiscono lo Smart Working al tradizionale “impiego ad ore” ed è per questo che presto ci dovrebbe essere l’approvazione di una legge volta a favorire l’articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato.

Questo disegno di legge, che quasi sicuramente sarà approvato entro la fine dell’anno, configura il lavoro agile come uno strumento utilizzabile da tutti i lavoratori che svolgono mansioni compatibili. Ciò con lo scopo di incrementare la produttività conciliando i tempi tra vita privata e lavoro.

Smart Working, ultimi articoli su Money.it

Figli in quarantena: i diritti per i genitori

Carmine Orlando

9 Settembre 2020 - 16:23

Figli in quarantena: i diritti per i genitori

Il 9 settembre è entrato in vigore un decreto legge che regola il lavoro agile e il congedo straordinario per i genitori che hanno un figlio convivente minore di 14 anni

Smart Working, i costi occulti che non abbiamo considerato

Luca Fiore

5 Settembre 2020 - 12:01

Smart Working, i costi occulti che non abbiamo considerato

Grazie alla pandemia, lo Smart Working ha registrato una diffusione esponenziale. Oltre agli ovvi vantaggi, ci sono forti costi per l’economia che vanno considerati prima di tracciare un bilancio di quella che promette di essere un cambiamento di lungo periodo.