Basilea 3

Con il termine Basilea 3 si intende tutte quelle misure di regolamentazione e monitoraggio del rischio di liquidità al suo terzo aggiornamento.
L’obiettivo è uniformare e garantire la qualità di patrimoni e liquidità degli istituti finanziari affinché il sistema bancario internazionale sia stabile.

Basile 3 è stato redatto dal Comitato di Basilea che al compito di vigilare il settore bancario ed è formato da alti membri di banche centrali e autorità di vigilanza dei seguenti paesi (in ordine alfabetico): Arabia Saudita, Argentina, Australia, Belgio, Brasile, Canada, Cina, Corea, Francia, Germania, Giappone, Hong Kong SAR, India, Indonesia, Italia, Lussemburgo, Messico, Paesi Bassi, Regno Unito, Russia, Singapore, Spagna, Stati Uniti, Sudafrica, Svezia, Svizzera, Turchia.

Gli incontri del Comitato di Basilea avvengono presso la Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI) a Basilea, cittadina svizzera.

Il documento Basilea 3 vuole rafforzare “la capacità delle banche di assorbire shock derivanti da tensioni finanziarie ed economiche, indipendentemente dalla loro origine, riducendo in tal modo il rischio di contagio dal settore finanziario all’economia
reale
”.

Basilea 3, ultimi articoli su Money.it

Banche: tra CET1, SREP, TIER1 ecco il significato dei termini più menzionati

NSFR, TIER 1, CET 1, SREP, MREL: è sempre più frequente imbattersi in acronimi molto comuni fra gli addetti ai lavori, ma poco pratici per chi non fa della finanza il proprio mestiere quotidiano. Money.it ha elaborato una guida pratica per chi si vuole destreggiare fra questa vastità di sigle ed acronimi