Ferrari: conferma Shooting star attirerà nuove vendite?

Ufficio Studi Money.it

2 Aprile 2020 - 08:40

11 Maggio 2021 - 17:46

condividi

I prezzi di Ferrari hanno iniziato a dare segnali di fiacchezza a ridosso della media mobile semplice a 200 giorni. La conferma di un modello di Shooting star potrebbe mettere in difficoltà la riprese da parte delle quotazioni. Vediamo come impostare una possibile strategia operativa con i Turbo Certificates di BNP Paribas

Ferrari: conferma Shooting star attirerà nuove vendite?

Durante il crollo dei mercati avvenuto a cavallo degli scorsi febbraio e marzo, le azioni Ferrari sono riuscite ad arginare le perdite, lasciando sul terreno (a ieri) il 19,17% dai massimi storici a 169,05 euro.


Ferrari, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

Graficamente, si evidenzia come la discesa sia iniziata dopo il pullback della linea di tendenza ottenuta collegando i minimi del 2 gennaio e 3 ottobre 2019. I venditori hanno poi spinto le quotazioni al di sotto dei livelli statici a 155,15 euro e 147,85 euro, per poi passare alla violazione della media mobile semplice a 200 giorni.

Dopo una rapida accelerazione delle vendite, i compratori sono riusciti a rialzare la testa, sostenuti dal livello di concentrazione di domanda a 113,95 euro, ereditato dai massimi del 26 febbraio 2019.

Al momento, le quotazioni hanno iniziato a lateralizzare tra la trendline che collega i massimi del 17 e 25 luglio 2019 e la SMA 200. Un’ulteriore resistenza è fornita dal 50% del ritracciamento di Fibonacci disegnato dai top del 19 febbraio ai lows del 16 marzo 2020.

Nel caso in cui i corsi si dovessero portare sotto la base della congestione, verrebbe confermato il pattern di Shooting star del 27 marzo 2020, il quale avrebbe la possibilità di far tornare la pressione ribassista. Al contrario, un recupero di 143 euro darebbe un segnale positivo.

Strategie operative su Ferrari

Da un punto di vista operativo, si potrebbero sfruttare discese sotto di 136 euro per valutare l’implementazione di una strategia short con stop loss identificabile a 146 euro e obiettivo principale a 125,50 euro. Il target finale è invece identificabile a 123 euro.

Per questo tipo di operatività, si adatta il certificato Turbo Short di BNP Paribas con ISIN NL0014035982 e leva 3,73.

Resta sempre aggiornato

Iscriviti alla newsletter di BNP Paribas

Iscriviti subito

AVVERTENZA

La presente pubblicazione è stata preparata da Money.it srl a socio unico (l’Editore), con sede legale in Via di Vigna Fabbri, 5, 00179, Roma, in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’Editore; tuttavia, l’Editore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, le presunzioni di calcolo, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione.

Per informazioni su Money.it srl a socio unico, in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.

Iscriviti alla newsletter

Selezionati per te

Azioni Unicredit: è ora delle prese di beneficio. Come investire

Turbo Certificate Idea & Investment Certificate

Azioni Unicredit: è ora delle prese di beneficio. Come investire

Correlato

Ferrari: conferma Shooting star attirerà nuove vendite?

Turbo Certificate Idea & Investment Certificate

Ferrari: conferma Shooting star attirerà nuove vendite?