Rottamazione cartelle con compensazione dei crediti fiscali

Rottamazione cartelle con compensazione dei crediti fiscali ma soltanto a partire dalla seconda rata. Padoan ha annunciato la pubblicazione di un apposito decreto attuativo a breve.

Rottamazione cartelle con compensazione dei crediti fiscali

Rottamazione cartelle con compensazione per il versamento delle rate per chi ha aderito alla definizione agevolata dei ruoli Equitalia. Nulla cambia in vista della scadenza per il pagamento delle prima rata, fissata al 31 luglio 2017.

Ad annunciarlo è stato il Ministro Pier Carlo Padoan che nel corso del question time del 26 luglio 2017 ha annunciato che la compensazione delle somme iscritte a ruolo estesa dall’art. 9-quater DL 50/2017 per tutto il 2017 riguarda anche coloro che hanno aderito alla rottamazione delle cartelle Equitalia.

Tuttavia anche qualora il decreto MEF fosse pubblicato in tempi celeri non sarebbe possibile, ad oggi, utilizzare la compensazione per il pagamento della prima rata della rottamazione cartelle Equitalia: tempi troppo stretti e ancora una volta novità fiscali che arrivano a ridosso delle scadenze.

Si ricorda infatti che per non decadere dalla definizione agevolata dei ruoli è necessario pagare la prima rata, ovvero l’importo complessivo per chi paga in un’unica soluzione, entro la categorica scadenza del 31 luglio 2017.

La seconda rata dovrà essere invece pagata entro il mese di settembre 2017 e il tutto, per chi ha scelto il pagamento in cinque rate, entro settembre 2018.

Proprio in virtù di questo e di una rilevante novità fiscale che consente di compensare i crediti verso la PA con le rate della rottamazione delle cartelle Sinistra Italiana ha richiesto al Ministro Padoan una proroga della scadenza prevista per effettuare il pagamento della prima rata.

Possibile pagare le rate della rottamazione cartelle con compensazione dei crediti fiscali

La possibilità di utilizzare i crediti fiscali in compensazione per la rottamazione delle cartelle era stata, soltanto poche settimane fa, confermata dalla Commissione Tributaria di Palermo che di fatto aveva smentito quanto sostenuto da Equitalia.

Il Ministro dell’Economia Padoan durante il question time alla Camera dei Deputati ha di fatto ufficializzato la novità, annunciando l’imminente pubblicazione del decreto attuativo previsto all’art. 9-quater del DL 50/2017, esteso anche alle rate della rottamazione cartelle Equitalia.

Per chi ha aderito alla rottamazione delle cartelle Equitalia si tratta di una novità di rilievo: i crediti fiscali potranno essere scalati dall’importo delle rate, con la possibilità anche di azzerare il debito e quindi di non dover pagare nulla.

Ovviamente è necessaria la pubblicazione del decreto MEF annunciato da Padoan per conoscerne tutti i dettagli e per stabilire che, ufficialmente, sarà possibile compensare i crediti fiscali con le rate della rottamazione.

Compensazione crediti soltanto dalla seconda rata della rottamazione

Compensazione soltanto a partire dalla seconda rata: mancano soltanto due giorni lavorativi prima della scadenza del 31 luglio 2017, giorno entro il quale i contribuenti che hanno aderito alla rottamazione delle cartelle Equitalia dovranno procedere con il pagamento della prima rata.

In vista della seconda scadenza sarà perciò necessario che contribuenti e Amministrazione Finanziaria ricalcolino l’importo dovuto a seguito delle novità introdotte dal decreto attuativo dell’art. 9-quater del DL 50/2017 che, a questo punto, è atteso a breve in Gazzetta Ufficiale.

L’ennesimo ritardo con cui il Fisco mette a disposizione dei contribuenti informazioni chiare e definitive: per molti sarebbe stato utile sapere fin dall’inizio che sarebbe stato possibile pagare le rate della rottamazione in compensazione con i crediti fiscali vantati nei confronti della PA.

Intanto non si può che non constatare che le sorprese fiscali in questo periodo non mancano di certo: si tratta, probabilmente, dell’ultima tardiva concessione che il MEF ha deciso di fare ai contribuenti. Peccato che tutto ciò non fa che aumentare il grado di instabilità e incertezza normativa al quale, anche in materia fiscale, sembra bisognerà farci l’abitudine.

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse per ricevere le news su Rottamazione cartelle Equitalia

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.