;

Rinnovo contratto Pubblica Amministrazione, testo Atto di Indirizzo: quali novità in programma

icon calendar icon person
Rinnovo contratto Pubblica Amministrazione, testo Atto di Indirizzo: quali novità in programma

Rinnovo del contratto, ecco l’atto di indirizzo per i dipendenti pubblici: le principali novità in tema di malattia, permessi e aumenti stipendiali.

Rinnovo del contratto per il pubblico impiego: le trattative tra i sindacati e l’amministrazione vanno avanti tant’è che in questi giorni è stata redatta una prima bozza dell’Atto di indirizzo che verrà inviato all’Aran.

L’Atto di indirizzo è un documento molto importante, perché si tratta della base su cui si reggerà tutto il nuovo contratto. Qui sono contenute le linee guida nate dall’accordo tra l’amministrazione pubblica e i sindacati, che troveranno realizzazione una volta che il nuovo contratto verrà firmato.

Di seguito potete scaricare il testo completo dell’Atto di Indirizzo, ma va ricordato che si tratta ancora di una bozza e quindi è soggetta a modifiche.

Analizzare il testo è comunque molto importante per farsi un’idea riguardo alla direzione verso cui sta procedendo l’amministrazione. Le novità riguardano diversi aspetti del contratto, dai permessi previsti dalla legge 104 all’aumento di stipendio promesso nei mesi scorsi.

Facciamo il punto della situazione analizzando gli aspetti più importanti dell’atto di indirizzo.

Rinnovo contratto: le novità per i precari

Una delle novità previste dall’Atto di indirizzo farà molto piacere ai dipendenti pubblici che hanno firmato un contratto a tempo determinato.

Questo punto è molto importante specialmente per il personale scolastico, dove il numero di precari è ancora molto alto; nell’atto di indirizzo viene infatti stabilito che bisognerà attuare il “principio di non discriminazione” così da migliorare la qualità del lavoro dei dipendenti a termine.

Ad esempio, nella scuola non ci dovrebbero essere più differenze tra il personale di ruolo e i supplenti, come quelle a cui abbiamo assistito in questi anni (Bonus insegnanti e Bonus Merito riconosciuti solo ai titolari di una cattedra). Inoltre, con l’attuazione di questa novità nel calcolo dell’anzianità di servizio rientreranno anche gli anni da precario.

Infine, l’atto di indirizzo fissa dei limiti - ai quali le amministrazioni dovranno sottostare - riguardo all’utilizzo dei contratti a tempo determinato. Nel dettaglio, nell’atto di indirizzo è stabilito che solo il 20% del totale dei dipendenti pubblici all’interno di una singola amministrazione.

Rinnovo del contratto: novità per permessi, assenze e malattia

Con il rinnovo del contratto verranno ridefinite le norme in materia di permessi e assenze per malattia. Nel dettaglio, l’Aran dovrà decidere se introdurre dei speciali permessi orari riconosciuti ai dipendenti pubblici per l’espletamento di visite mediche, terapie, prestazioni specialistiche o esami diagnostici. Questo tipo di assenze, infatti, non sono riconducibili all’indennità di malattia ed è per questo che i sindacati chiedono che venga introdotta una specifica disciplina contrattuale.

Un’altra novità riguarda l’effettuazione di terapie salvavita, come ad esempio la chemioterapia, che possono determinare degli effetti comportanti l’incapacità lavorativa.

Ad oggi le assenze per gli effetti di queste terapie non sono riconosciute ed è per questo che l’Aran in sede di trattativa dovrà definire un “perimetro applicativo” che includa tutte queste tipologie di assenze.

Importanti modifiche anche in tema di permessi. Nel dettaglio, l’atto di indirizzo stabilisce che:

  • possibilità di fruire dei permessi per motivi familiari o personali anche a ore;
  • cessione a titolo gratuito dei giorni di ferie e permessi agli altri lavoratori che hanno necessità di assistere i figli minori in particolari condizioni di salute;
  • rivedere i tempo per il congruo preavviso nelle richieste dei permessi 104.

Senza dimenticare poi che presto verranno ridefinite le regole per le visite fiscali, con gli orari di reperibilità e gli obblighi per i dipendenti pubblici che si assentano per malattia verranno modificati.

Per saperne di più, leggi anche-Visite fiscali, nuove regole nel 2017: orari, limite per i giorni di malattia e permessi ad ore.

Rinnovo del contratto: quale aumento di stipendio

Infine, l’atto di indirizzo fissa i criteri per gli aumenti stipendiali legati al salario accessorio. Ricordiamo infatti che l’aumento di stipendio di 85 medi e lordi promesso dalla Ministra Madia nei mesi scorsi non sarà legato alla parte fissa della retribuzione mensile, ma a quella variabile.

Nel dettaglio, in sede di contrattazione l’Aran dovrà definire in materia precisa quali trattamenti economici saranno rapportati alle performance individuali o organizzative e quali indennità invece saranno correlate alle condizioni di lavoro e alle difficoltà economiche del dipendente.

Questo perché l’aumento di stipendio non sarà uguale per tutti, ma si baserà sul principio “avrà di più chi guadagna meno e chi se lo merita”.

Per saperne di più, di seguito potete scaricare il testo completo della bozza dell’Atto di indirizzo, di cui vi terremo informati non appena ci saranno novità o modifiche a riguardo.

Bozza Atto di indirizzo per rinnovo del contratto
Clicca qui per scaricare il testo della bozza dell’atto di indirizzo così da approfondire le novità che saranno discusse dall’Aran in sede di contrattazione.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Pubblica Amministrazione (PA)

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Chiudi [X]