Vendite al dettaglio: trend positivo a novembre

Secondo l’Istat aumentano le vendite al dettaglio nel mese di novembre, un trend che continua anche durante le feste e nel periodo dei saldi

Vendite al dettaglio: trend positivo a novembre

Il mese di novembre 2017 ha fatto registrare un andamento positivo per vendite al dettaglio. A certificarlo è la rilevazione dell’Istat che evidenzia un aumento sia in valore che in volume rispetto al mese di ottobre ma anche rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Un trend positivo seguito anche dal boom di acquisti che gli italiani si sono riservati durante il periodo natalizio e che lascia ben sperare per una vera ripresa in questo inizio 2018.

A novembre vendite al dettaglio in aumento

I numeri sulle vendite a dettaglio del penultimo mese del 2017 segnano una ripresa rispetto a ottobre. Secondo l’Istat, infatti, sono aumentate dell’1,1% in valore e dello 0,8% in volume.

Il segno positivo è confermato anche se i dati vengono confrontati con quelli relativi al mese di novembre del 2016 e in questo caso l’incremento registrato è dell’1,4% in valore e dello 0,6% in volume.

Inoltre, sottolinea l’Istituto di Statistica, l’indice complessivo delle vendite al dettaglio registrato nel trimestre settembre-novembre dell’anno scorso ha subito da una parte l’aumento dello 0,2% in valore e dall’altra un calo dello 0,2% in volume.

“Quest’ultima è dovuta, in particolare, alla dinamica negativa registrata nel periodo per i volumi dei beni alimentari (-0,7%)”

spiegano dall’Istat.

L’aumento delle vendite al dettaglio nel mese di novembre 2017 ha riguardato sia i beni alimentari che quelli non alimentari, facendo segnare buone performance – rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente – si anella grande distribuzione (+ 2,6%) che nelle imprese operanti su piccole superfici (+0,2%).

Italiani tornati a spendere a Natale

Sono positivi anche i dati diffusi in questi primi giorni di gennaio da Coop e Nomisma che hanno condotto un’analisi sulla spesa degli italiani nel periodo natalizio.

Le famiglie sono tornate a spendere facendo registrare nella settimana di Natale un aumento medio del 15,6% rispetto allo stesso periodo del 2016 relativo agli acquisti effettuati in supermercati ed ipermercati.

A trainare il carrello della spesa – è il caso di dire – le regioni del Sud con la Campania che svetta con un incremento del 16,2%. Niente rinunce anche sulle tavole di Molise, Umbria e Puglia.

L’andamento delle vendite durante le festività lasciano dunque ben sperare e come sottolinea Stefano Bassi, presidente Ancc-Coiop

“danno la prima prova tangibile di un nuovo atteggiamento degli italiani nei confronti del futuro”.

Intanto, archiviate le feste, gli italiani ora sono alle prese con i saldi di fine stagione iniziati già da qualche giorno in tutte le regioni italiane.

Un momento particolarmente roseo secondo Confcommercio, del quale approfitteranno il 61,4% degli italiani.

Una percentuale che continua a crescere (era il 58,5% nello stesso periodo 2017) e che è arrivata ben 10 punti al di sopra del valore minimo che si era toccato nel 2015.

Condividi questo post:

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Vendite al dettaglio

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Commenti:

Potrebbero interessarti

Lorenzo Baldassarre -

10 motivi per comprare azioni Amazon (e non venderle mai)

10 motivi per comprare azioni Amazon (e non venderle mai)

Commenta

Condividi

Francesca Caiazzo -

Ecco quanto spenderemo per i saldi invernali

Ecco quanto spenderemo per i saldi invernali

Commenta

Condividi

Cristiana Gagliarducci

Cristiana Gagliarducci

2 settimane fa

Sacchetti frutta e verdura a pagamento dal 1° gennaio: quanto costeranno?

Sacchetti frutta e verdura a pagamento dal 1° gennaio: quanto costeranno?

Commenta

Condividi