Medicina, addio al numero chiuso: niente test dal 2019

La Legge di Bilancio elimina il numero chiuso dalla facoltà di Medicina per sopperire alla mancanza di medici; dal 2019 niente test di ingresso.

Medicina, addio al numero chiuso: niente test dal 2019

La Legge di Bilancio 2019 cancella il numero chiuso dalla facoltà di Medicina; dal prossimo anno gli studenti che vorranno diventare medici avranno quindi la possibilità di intraprendere il percorso universitario senza dover sostenere il test di ingresso.

Come annunciato dal Consiglio dei Ministri quindi, per sopperire alla mancanza di medici nelle strutture sanitarie è stato abolito il numero chiuso dalla facoltà di Medicina. Il test di ingresso dovrebbe essere sostituito da una maggiore selezione durante il percorso accademico.

Ovviamente tutto dipende dall’iter parlamentare della Legge di Bilancio 2019; nei prossimi giorni, infatti, il testo della manovra finanziaria verrà presentato in Parlamento e sarà valutato dalle commissioni competenti le quali potrebbero anche chiedere la cancellazione di questa norma. Non è ancora certo, quindi, che il numero chiuso verrà abolito, poiché per darne l’ufficialità bisognerà attendere l’approvazione ufficiale da parte del Parlamento che arriverà entro la fine dell’anno.

Una novità che avrà delle notevoli ripercussioni sul sistema universitario; pensate, infatti, che quest’anno sono stati 59.747 i candidati al test di Medicina, su un totale di appena 9.779 posti disponibili.

Eliminando il numero chiuso, quindi, dal prossimo anno si prevedono circa 50.000 studenti in più almeno per il primo anno di studi; resta da capire quindi in che modo il Governo intende far fronte a questi nuovi ingressi senza compromettere il corretto funzionamento del sistema universitario.

Una notizia che comunque farà felici tutti quegli studenti che hanno il sogno di diventare medici ma che per quest’anno non sono riusciti a rientrare nelle posizioni utili della graduatoria nazionale (in attesa dei prossimi scorrimenti); dal prossimo anno, in caso di approvazione senza modifiche del testo della Legge di Bilancio 2019 da parte del Parlamento, infatti, per loro si apriranno le porte della facoltà di Medicina e Chirurgia.

Per gli scettici, ecco il comunicato stampa dell’ufficio della Presidenza del Consiglio dei Ministri che conferma quanto appena detto (punto 22).

Le altre misure per la Sanità

Nella Legge di Bilancio 2019, oltre alla misura che elimina il test di ingresso per Medicina, sono previsti altri interventi per la Sanità.

Nel dettaglio, nella manovra finanziaria sono previsti interventi per limitare i tempi di attesa nella Sanità; nel dettaglio, per l’abbattimento delle liste di attesa saranno stanziati 50 milioni di euro (destinati alle singole Regioni) mentre per evitare possibili episodi di avanzamenti fraudolenti verrà istituito un Centro Unico di Prenotazione digitale nazionale dove si potranno monitorare costantemente i vari appuntamenti.

Con la manovra, inoltre, verranno stanziati 284 milioni di euro per provvedere al rinnovo contrattuale per tutto il personale impiegato nel Servizio Sanitario Nazionale; altri 505 milioni, invece, saranno assegnati alle Regioni per far fronte alle spese farmaceutiche.

Infine, viene reintrodotta l’incompatibilità tra la carica di commissario alla Sanità e qualsiasi altro incarico istituzionale presso la Regione soggetta al commissariamento.

Ricordiamo che la Legge di Bilancio 2019 introduce la Quota 100 per anticipare il pensionamento; una misura che riguarderà anche molti medici, con il conseguente svuotamento delle corsie. Ed è proprio per sopperire alla mancanza - presente e futura - di medici che il Governo ha deciso di eliminare il numero chiuso dalla facoltà di Medicina.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Test Medicina

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.