Macron: “Crisi politica Italia-UE sui migranti”. Il suo obiettivo però sono le elezioni europee

Emmanuel Macron attacca l’Italia sui migranti dopo il nuovo caso Aquarius: lo scopo però è quello di indebolire i sovranisti in vista delle elezioni europee.

Macron: “Crisi politica Italia-UE sui migranti”. Il suo obiettivo però sono le elezioni europee

Soffia sul fuoco della crisi tra Francia e Italia il presidente Emmanuel Macron. Casus belli è ancora una volta il tema dell’immigrazione, con Parigi che alla fine ha trovato una soluzione per la nave Aquarius senza aver incassato però il supporto del nostro paese.

Una vicenda questa che per l’inquilino dell’Eliseo è sintomo di una “crisi politica tra l’Italia e il resto dell’Europa”. Parole queste che hanno provocato la reazione del premier Giuseppe Conte Macron rappresenta la Francia”, ma che fanno capire come dietro questi continui attacchi ci possa essere un anticipo della campagna elettorale in vista delle elezioni europee.

Il caso Aquarius

La situazione attuale non è delle migliori, con la nave Aquarius in mezzo al Mediterraneo minacciata da un peggioramento delle condizioni climatiche con onde che potrebbero raggiungere anche i cinque metri.

A bordo dell’imbarcazione dell ong ci sono 58 migranti, quasi tutti libici, più un cagnolino portato da una famiglia in fuga. Stando a quanto trapelato, la Guardia Costiera libica non avrebbe risposto alle richieste di soccorso e quella italiana non si sarebbe fatta carico della situazione.

Inizialmente anche la Francia si era opposta alla richiesta di far sbarcare la nave a Marsiglia, ma alla fine è stata trovata la soluzione: i 58 migranti a bordo dell’Aquarius saranno presi a bordo da imbarcazioni maltesi e fatti sbarcare a La Valletta, poi verranno divisi tra Spagna, Francia, Portogallo e Germania.

C’è una crisi politica tra l’Italia e il resto dell’Europa - ha commentato Emmanuel Macron - l’Italia ha scelto di non seguire più le leggi internazionali e in particolare quelle umanitarie del mare, secondo cui quando una nave è in una situazione umanitaria va nel porto più vicino”.

Parole queste del presidente francese che hanno provocato l’immediata risposta di Giuseppe Conte. “Se Macron - ha ribattuto il premier - dice che l’Italia ha una crisi politica in atto con l’UE, io rispondo che lui rappresenta la Francia, l’Europa è composta da 27 Paesi. Se parla per la Francia va benissimo: l’Italia non ha un problema con la Francia”.

Non accettiamo lezioni di diritto e di umanità da parte del signor Macron - è stata la replica anche di Matteo Salvini - negli ultimi mesi ha blindato le frontiere con l’Italia e ha respinto più di 50mila immigrati, soprattutto donne e bambini”.

Un ennesimo battibecco che peggiora ancora di più il rapporto tra i due paesi. Oltre ai migranti e alla questione libica (dove Italia e Francia si contendono il ricco piatto delle risorse naturali), ci sono anche le elezioni europee a fare da sfondo a questa nuova polemica.

Antipasto delle elezioni europee?

La querelle tra Francia e Italia si basa ancora una volta sulla questione immigrazione, tema che senza dubbio sarà il piatto forte della campagna elettorale delle elezioni europee che si svolgeranno a fine maggio.

Così come Matteo Salvini da tempo sta facendo gioco di squadra con gli altri sovranisti europei, anche Emmanuel Macron si è auto nominato guida del fronte moderato anti-populista.

L’obiettivo dei partiti di destra dell’Unione è quello di strappare un ottimo risultato alle europee, per poter così spostare sulle loro posizioni i Popolari che dovrebbero essere di nuovo il gruppo più numeroso a Bruxelles vista la crisi dei Socialisti.

Una prospettiva questa che spaventa non poco Macron, che non vede assolutamente di buon occhio questo aumento di potere del blocco Visegrad e dei vari partiti sovranisti come la Lega e il Front National.

In questo momento attaccare l’Italia vuol dire cercare di indebolire Salvini, così come picconare Macron equivale a prendersela con i moderati che da sempre dettano la linea dell’Unione Europea.

In questa complessa partita politica, i migranti quindi sono il terreno di scontro su cui si baserà la campagna elettorale delle europee: più che il futuro della UE, quello che al momento sembrerebbe preoccupare maggiormente i cittadini del continente sono gli immigrati, con la diminuzione degli arrivi che va di pari passo con l’aumento dei timori.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Emmanuel Macron

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.