Forex: l’indice del dollaro USA ai massimi di 11 e mezzo, forte il sentiment sull’economia statunitense

Flavia Provenzani

13 Marzo 2015 - 17:21

condividi

Si rafforza il sentiment sull’economia degli Stati Uniti e sul dollaro, nonostante i deboli dati pubblicati oggi. Il dollaro USA sale contro le principali valute nel forex.

Forex: l'indice del dollaro USA ai massimi di 11 e mezzo, forte il sentiment sull'economia statunitense

L’indice del dollaro sale a nuovi massimi di 11 anni e mezzo contro le altre valute forex principali nella giornata di venerdì, come il rilascio dei deboli dati USA superati dall’ottimismo sulla forza dell’economia statunitense.

Il Dipartimento del Lavoro statunitense ha riferito che i prezzi di produzione sono scesi dello 0,5% il mese scorso, deludendo le aspettative per un guadagno dello 0,3%, dopo un calo dello 0,8% nel mese di gennaio.

I prezzi di produzione versione core, che escludono il settore alimentare, l’energetico e il commercio, scivolano dello 0,5% in febbraio, contro le aspettative di un aumento dello 0,1%, dopo un calo dello 0,1% nel mese precedente.

Inoltre, l’Università del Michigan ha dichiarato che il suo indice di fiducia dei consumatori è sceso a un minimo di quattro mesi a 91,2 questo mese, da 95,4 di febbraio, deludendo le aspettative per un aumento a 95,5.

L’Università del Michigan ha anche riportato che le sue aspettative di inflazione per i prossimi 12 mesi sono salite al 3,0% a marzo, dal 2,8% del mese scorso.

Forex, euro/dollaro: quanto in basso può scendere l’euro?

L’indice del dollaro statunitense, che misura la forza del biglietto verde contro un paniere ponderato di sei valute principali , è salito dell’1,12% a 100,24, il livello più forte da settembre 2003.

Il cambio euro dollaro EUR/USD è in calo dell’1,34% ad un nuovo minimo di 12 anni a 1,0490.

Forex: quanto durerà ancora il rally sul dollaro? Analizziamo gli indicatori economici

L’euro rimane sotto pressione da lunedì, dopo che la Banca centrale europea ha dato il via al suo programma di quantitative easing.

l dollaro rimane costante contro lo yen, con USD/JPY a 121,25 e più alto contro il franco svizzero, con USD/CHF su dello 0,64% a 1,0087.

In calo la sterlina, con la coppia GBP/USD in perdita dell’1,02% ad un minimo di 4 anni e mezzo a 1,4730.

AUD/USD è sceso dell’1,08% vicino ai minimi di sei anni allo 0,7623, mentre NZD/USD scende dello 0,88% a 0,7325.

USD/CAD avanza dello 0,93%, scambiato al massimo di sei anni a 1,2803.

Statistics Canada ha riferito che il numero di occupati è diminuito di 1.000 unità nel mese di febbraio, contro le aspettative di un calo di 5.000, dopo un aumento di 35.400 del mese precedente.

Il report ha anche mostrato che il tasso di disoccupazione del Canada è salito al 6,8% il mese scorso, da 6.6% nel mese di gennaio, deludendo le aspettative per un rialzo al 6,7%.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.