Forex, euro-yen ritraccia in attesa di riunione BoJ: quali possibilità per EUR/JPY?

Il cambio euro-yen apre in ribasso alla vigilia dell’ultimo grande appuntamento dell’anno: la riunione della Bank of Japan. Vediamo quali sono le aspettative e le previsioni su EUR/JPY.

Il cambio euro-yen prende le distanze dai massimi della scorsa settimana a quota 124,0 e cerca stabilità in zona 122,7, a meno di 24 ore dall’ultimo grande appuntamento del 2016 sul Forex.

Nella notte tra oggi e domani è infatti attesa la riunione della Bank of Japan, di grande importanza visto l’ultimo mese dello yen.

La valuta giapponese ha perso circa il 13% del suo valore dalla vittoria di Trump alle elezioni USA, un obiettivo che la BoJ ha sempre inefficacemente provato a raggiungere e che quindi potrebbe cambiare alcune delle sue prospettive.

Anche il cambio gemello dollaro-yen si trova in una situazione simile e, dopo i trend vissuti durante le ultime settimane, l’attuale equilibrio è molto delicato e la banca centrale giapponese potrebbe facilmente alterarlo.

Dopo aver visto le previsioni per la settimana di euro-dollaro, analizziamo ora il recente andamento di euro-yen e lo scenario che si prospetta in vista della riunione BoJ di domani.

Forex, euro-yen in attesa della Bank of Japan: cosa aspettarsi?

Il cambio euro-yen frena momentaneamente il suo trend rialzista e approccia una possibile fase di lateralità, almeno in questa giornata di vigilia.

La riunione della Bank of Japan di domani è l’ultimo grande appuntamento atteso dai trader prima dello scarico di volumi delle settimane di festa, utile a comprendere quanto il recente cammino dello yen sarà sostenuto dalla banca centrale.

Il deprezzamento della valuta interna è sempre stato un obiettivo per la BoJ, durante tutto il corso del 2016, e ha visto il succedersi di numerosi fallimenti nel tentativo di fermare l’apprezzamento dello yen e offrire quindi migliori prospettive di crescita al paese.

Per il Giappone, grande esportatore e da anni incapace di alzare il livello dei prezzi, avere una valuta più competitiva è infatti uno dei principali presupposti dai quali partire per concretizzare una ripresa che stenta a materializzarsi.

Per questo motivo le previsioni per la riunione di domani sono di un mantenimento degli attuali parametri di economia monetaria, con la BoJ che quindi preferirà mantenere tutto stabile e approfittare della situazione favorevole che si è venuta a creare dopo l’elezione di Trump, cavalcando l’onda.

Tuttavia sarà importante valutare le parole di Kuroda e capire se il 13% perso dallo yen nelle ultime cinque settimane basterà ad offrire nuove stime (corrette al rialzo) sull’inflazione, anticipando magari il raggiungimento del target voluto, offrendo così ulteriori segnali positivi al mercato.

La reazione alla riunione BoJ rischia quindi di tradursi in una reazione alle parole del suo governatore, per capire quanto importante è stato per la banca centrale il recente deprezzamento dello yen e quanta influenza avrà sulle stime future e quindi sui piani per il 2017.

Il trend rialzista di euro-yen si trova ora in una fase di lateralità ma pur sempre inserito all’interno di un canale rialzista, come osservabile dal seguente grafico H4:

Il prezzo viaggia tra le due trendline in verde dall’8 novembre e si è mantenuto per gran parte del tempo al di sopra della media mobile a 20 periodi.

Il MACD è sempre stato positivo in questo intervallo di tempo e si ritrova, proprio ora, ad avvicinare i valori in prossimità dello zero.

Sarà quindi importante l’esito e la reazione del mercato alla riunione di stanotte per capire se EUR/JPY proseguirà nuovamente al rialzo il suo percorso o se avvicinerà, con la possibilità di violare, la parete inferiore del canale.

I primi supporti di riferimento per una virata ribassista sono a quota 121,7 e 120,8, mentre in caso di continuazione del rialzo è la resistenza a 124,1 l’unico grande muro da abbattere.

L’andamento durante la giornata di oggi sarà foriero di indizi riguardo quelle che sono le aspettative del mercato, ma soprattutto sarà la reazione di domani a definire l’inerzia che verrà con ogni probabilità mantenuta sui cambi con lo yen fino alla fine del 2016.

Iscriviti alla newsletter Analisi dei Mercati

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.