Forex: Nuova Zelanda taglia i tassi, -25bp. Giù NDZ/USD

Flavia Provenzani

11 Giugno 2015 - 09:17

condividi

La RBNZ taglia i tassi di interesse di 25 punti base al 3,25%, previsioni sul PIL riviste al ribasso. E’ l’inizio di un allentamento ancora più ampio? Il cambio NDZ/USD per il 2.58%.

Grande attenzione è stata richiamata mercoledì sera sul dollaro neozelandese, crollato dopo che la Federal Reserve della Nuova Zelanda ha tagliato i tassi di interesse per la prima volta da marzo 2011.

Il taglio sui tassi di interesse di 25 punti base ha portato il tasso della RBNZ al 3,25% e, secondo la banca centrale, un ulteriore allentamento potrebbe essere necessario se i dati si mostreranno ancora deboli.

Il dollaro neozelandese è sopravvalutato e la banca centrale ritiene che sia giustificato un significativo aggiustamento al ribasso sul dollaro della Nuova Zelanda.

Anche se sono state riviste le tempistiche per il raggiungimento del target sull’inflazione dal secondo trimestre del 2017 al quarto trimestre del 2016 e sono stare riviste al rialzo le aspettative sull’inflazione del 2016, le previsioni sul PIL per il prossimo anno sono state tagliate bruscamente dal 3,8% al 3,3%.

Il problema della Nuova Zelanda è chiaramente la crescita e se questa non salirà, per la banca centrale potrebbe essere necessario tagliare di nuovo i tassi di interesse.

La dichiarazione di mercoledì è importante per il dollaro neozelandese (NZD) perché segna l’inizio di quello che potrebbe trasformarsi in un ciclo di allentamento della politica monetaria più ampio; la differenza di politica monetaria tra la banca centrale della Nuova Zelanda e quella degli Stati Uniti non solo potrebbe portare il cambio NZDUSD a perdere circa 70 centesimi, ma anche spingere più basso il dollaro neozelandese contro molte delle altre valute principali.

Intanto il dollaro australiano e quello canadese vengono scambiati a livelli più alti.

La forza del dollaro australiano è sorprendente se si considera che la fiducia dei consumatori è diminuita e, soprattutto, che il governatore della RBA Stevens ha riferito che la banca è aperta ad un ulteriore allentamento e ritiene che il tasso di cambio ha bisogno di scendere ancora.
Sappiamo che la banca centrale dell’Australia è soddisfatta con un valore del dollaro australiano sui 75 centesimi.

Il dollaro canadese ha colpito quota 1,22 su USDCAD sulla scia dell’aumento dei prezzi del petrolio.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.