Forex, EUR/USD: il dollaro resterà debole nonostante la FED. Ecco perché

Dopo le dichiarazioni della Fed il cambio euro-dollaro è scivolato sotto quota 1,10 sulle paure di un rialzo dei tassi a dicembre. Tecnicamente però il Dollaro USA potrebbe rimanere debole contro l’Euro.

Anche questa volta non c’è stato il tanto temuto atteso rialzo dei tassi d’interesse da parte della FED.
Sebbene la Federal Reserve di fatto non abbia fatto nulla è però bastata la dichiarazione in cui si citava la possibilità di un aumento dei tassi in caso di aumento dell’occupazione a far sprofondare il cambio euro dollaro (EURUSD) fino al livello di 1,09.

Dal punto di vista tecnico il movimento di ieri ha fatto sì che venisse bucata la trend line di rialzo (linea bianca tratteggiata) ma non è stato bucato il supporto statico sul livello di 1,085 (linea celeste).

Questo fattore non è di poco conto poiché se il prezzo del EURUSD si mantiene sugli attuali livelli probabilmente assisteremo ad un ritorno sopra la trend-line rialzista ed il mantenimento del range 1,10-1,14 (quadrato giallo).

Considerando comunque questo storno l’EURUSD si troverà davanti prima la resistenza di 1,10 che se non venisse superata potrebbe portare il cambio, nel breve periodo a mantenersi tra la resistenza di 1,10 ed il supporto di 1,084.

Rimango ancora dell’idea, come ho già detto in post precedenti, che il cambio euro-dollaro non scenderà sotto certi livelli e anche qualora fossero aumentati i tassi d’interesse a dicembre, salvo magari escursioni dovute alla volatilità nel brevissimo, il livello dei prezzi continuerà a rimanere quello sopracitato.

Questo articolo è pubblicato a titolo puramente informativo e non intende fornire nessun consiglio d’investimento. Leggi il disclaimer completo.

Iscriviti alla newsletter Analisi dei Mercati

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.