FTSE MIB: i migliori e i peggiori della settimana (08-12 gennaio)

I migliori e i peggiori titoli azionari appartenenti dall’indice FTSE MIB della settimana passata: ancora FCA in testa che segna nuovi record storici

FTSE MIB: i migliori e i peggiori della settimana (08-12 gennaio)

L’indice FTSE MIB continua la sua performance positiva che supera di netto i 23mila punti e guadagna il 4%, emulando la crescita della settimana precedente. A contribuire al rialzo del principale indice della borsa italiana sono stati sia i verbali hawkish della BCE, che hanno previsto una maggiore crescita dell’eurozona, sia l’accordo raggiunto fra Angela Merkel e Martin Schulz sulla formazione di una nuovo governo di larghe intese in Germania.

Vediamo ora insieme le tre migliori e le tre peggiori performance fra i titoli appartenenti all’indice FTSE MIB.

FTSE MIB: i migliori titoli della settimana

Ancora una volta in testa al FTSE MIB troviamo Fiat Chrysler Automobiles (FCA) ottenendo un rialzo dell’11,78%. Il valore delle azioni passa così da 17,53€ a 19,60€ l’una. Il titolo continua il suo rally questa settimana grazie all’annuncio di Sergio Marchionne dispostare tutte le attività produttive negli Stati Uniti dal Messico, anticipando la scelta di Trump di voler uscire dal NAFTA, l’accordo di libero scambio fra Canada, Stati Uniti e Messico.

La seconda posizione è occupata da Banco Bpm con il suo 10,19%. Il valore delle azioni sale da 2,64€ a 2,91€. Il buon momento generale del settore bancario e delle borse ha contribuito allo slancio di Banco Bpm, che già a fine 2017 aveva effettuato un gran rialzo grazie alle ottime performance in merito allo smaltimento dei crediti deteriorati.

In terza posizione troviamo Finecobank con il suo +8,74% che vede passare le azioni da 8,85€ a 9,63€. Il motivo principale del rialzo è riconducibile all’ottima raccolta registrata nel 2017.

FTSE MIB: i peggiori titoli della settimana

Il titolo peggiore della settimana è risultato A2a con una perdita del 4,08% che ha portato il valore delle azioni da 1,58€ a 1,51€ l’una. A penalizzare il titolo è stata la performance negativa generale del FTSE Italia Servizi Pubblici (anche Terna ha subito perdite questa settimana, esattamente del 2,25%).

La seconda posizione è occupata da Moncler con una flessione del 3,34%. Il valore delle azioni scende da 26,07€ a 25,20€. A pesare sul titolo è la performance negativa del settore del lusso, che ha colpito seppur in maniera minore anche Salvatore Ferragamo (-2,03%) e Ynap (-2,05%).

In terza posizione c’è Mediaset con il -3,06% che vede passare il valore delle azioni da 3,36€ a 3,26€ l’una.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Migliori e Peggiori

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.