Domanda opzione donna, potrà essere presentata anche nel 2016: requisiti e soggetti interessati

L’INPS chiarisce che la domanda per accedere all’opzione donna potrà essere presentata anche nel 2016 nonostante il termine di scadenza del regime previdenziale sia fissato al 31 Dicembre 2015.

Nel tormentato calderone delle pensioni sono molte le novità che allo studio dei tecnici del Governo che potrebbero vedere la luce nella prossima Legge di Stabilità: oltre a una specifica misura per risolvere il problema degli esodati, l’altro nodo che potrebbe essere sciolto è quello dell’opzione donna, lo specifico regime previdenziale che potrebbe essere prorogato anche nel 2016.
Allo stato attuale delle cose l’opzione donna, ovvero la scelta che consente alle lavoratrici di accedere alla pensione con un’età di almeno 57 anni e 3 mesi di età e almeno 35 anni di contribuzione, a fronte dell’accettazione del sistema contributivo per il calcolo del proprio assegno pensionistico, poteva essere richiesta solo fino al 31 Dicembre 2015, termine oltre il quale questo specifico regime previdenziale cesserà.

Il chiarimento dell’INPS sulla domanda per l’opzione donna
Forse proprio subodorando una proroga di questa misura l’INPS ha annunciato che la domanda per accedere all’opzione donna potrà essere presentata anche nel 2016, quindi dopo il termine di scadenza della misura.
Il chiarimento dell’INPS - reso noto da una notizia dell’Istituto Nazionale Conferderale di Assistenza (INCA), il patronato della Cgil - è stato fornito in risposta a un quesito posto dai Patronati del Ce.Pa. (Inas, Inca, Ital e Acli) in cui è stato spiegato che le lavoratrici che intendano esercitare l’attuale opzione donna, quella che decorre fino al 31 Dicembre 2015, se hanno risolto il loro rapporto di lavoro dipendente, possono farlo anche in un momento successivo a quello della chiusura della finestra (ossia successivo al prossimo 31 Dicembre), dal momento che, per queste lavoratrici, è possibile invocare il principio della cristallizzazione del diritto a pensione, previsto per tutti i lavoratori.

Requisiti per presentare la domanda opzione donna
Ricapitolando, per presentare la domanda per l’opzione donna, nel 2016 occorre quindi che la lavoratrice sia in possesso dei seguenti requisiti:

  • almeno 57 anni e 3 mesi di età (entro il 31 Dicembre 2015);
  • almeno 35 anni di contribuzione (entro il 31 Dicembre 2015);
  • cessazione del rapporto di lavoro dipendente;

In tal modo le lavoratrici potranno decidere, in definitiva, di rimanere sul posto di lavoro senza perdere il diritto di accesso all’opzione donna e, quindi alla possibilità della pensione anticipata, un diritto che, grazie al chiarimento dell’INPS, potrà essere esercitato anche in un momento successivo.

Quale opzione donna nel 2016?
Per quanto riguarda gli orientamenti del Governo, occorre ricordare che, tra le ipotesi sul piatto, l’opzione donna potrebbe essere rimodulata, per il 2016 e forse anche per gli anni successivi, nei seguenti termini.
Sarà definita una nuova quota 97 come somma del requisito anagrafico e di quello contributivo e sarà rivista la penalizzazione che non prevederà più il passaggio al sistema contributivo ma una riduzione dell’assegno del 10% per chi decide di esercitare l’opzione. I nuovi requisiti per le lavoratrici donne potrebbe, quindi, essere i seguenti:

  • almeno 62 anni di età (forse 63 anni per le lavoratrici autonome);
  • almeno 35 anni di contributi;

Rimane allo studio del Governo e dei tecnici anche la possibilità di mettere in campo una opzione uomo che estenda questo regime, con i relativi aggiustamenti, anche ai lavoratori.

Iscriviti alla newsletter

2 commenti

foto profilo

angela arpinati • Settembre 2015

non è chiaro se anche la finestra deve essere chiusa e quindi al 31/12/2015 i requisiti sono 57 anni e tre mesi + 12 mesi.
in sostanza solo le donne del 57 del pubblico e 56 del privato nate entro il 30/09.
queste avendo maturato e requisiti possono fare domanda anche nel 2016??
grazie.

foto profilo

Vittoria • Settembre 2015

Per le autonome 58 anni e 3 mesi e 35 di contributi e cessata attività ?
Ci informate anche su di noi che i versamenti li facciamo anche noi ? Grazie

Money Stories
SONDAGGIO

1592 voti

VOTA ORA