Cassa integrazione Covid: da oggi pagamenti più veloci da INPS. Nuova procedura al via

Teresa Maddonni

18 Marzo 2021 - 11:41

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Per la cassa integrazione Covid da oggi pagamenti più veloci. INPS ha rilasciato la procedura automatizzata per le domande di CIGO che permetterà di accelerare il lavoro delle strutture territoriali.

Cassa integrazione Covid: da oggi pagamenti più veloci da INPS. Nuova procedura al via

Per la cassa integrazione Covid da oggi i pagamenti saranno più veloci e ad annunciarlo è stata INPS in un comunicato stampa.

La nuova procedura automatizzata per la cassa integrazione Covid dovrebbe essere rilasciata e utilizzata in tutte le sedi territoriali di INPS definitivamente a partire da oggi e nei prossimi giorni.

Si tratta nel dettaglio della nuova procedura per la cassa integrazione Covid ordinaria che permette di accelerare sull’autorizzazione delle domande pervenute all’Istituto rendendo pertanto i pagamenti più veloci.

Ricordiamo che la cassa integrazione 2021 Covid è stata rinnovata con la Legge di Bilancio e che ora con il decreto Sostegni dovrebbe essere ulteriormente prorogata.

Vediamo nel dettaglio per la cassa integrazione Covid qual è la nuova procedura di INPS che rende i pagamenti più veloci.

Cassa integrazione Covid: pagamenti più veloci al via

Per la cassa integrazione Covid, quella ordinaria, i pagamenti saranno di fatto più veloci da oggi grazie ai nuovi meccanismi di automazione dei procedimenti, come annuncia INPS, per l’autorizzazione delle domande presentate presso le strutture territoriali competenti.

In particolare la nuova procedura, come si legge nel comunicato dell’Istituto del 17 marzo, ha l’obiettivo “di migliorare i tempi, l’accuratezza delle valutazioni e il tracciamento dei controlli di quella che rappresenta la fase 1 della CIGO, ovvero quella delle domande di prenotazione da parte delle aziende e dell’autorizzazione necessaria ai successivi pagamenti.”

Con la nuova procedura di INPS i pagamenti della cassa integrazione Covid saranno più veloci dal momento che:

  • l’istruttoria delle domande di autorizzazione presentate dalle aziende saranno più efficaci;
  • rischi di errore saranno limitati perché i requisiti verranno verificati con riscontri automatici rispetto alle informazioni presenti nelle banche dati dell’Istituto;
  • l’intervento degli operatori è previsto solo per risolvere particolari criticità.

Il sistema automatizzato, come sottolinea l’Istituto, sarà rivolto a tutte le domande di cassa integrazione con causale “Covid-19” che necessitano di verifica da parte della sede locale di INPS. Pertanto la nuova procedura riguarda le 5 fasi della gestione della cassa integrazione ordinaria Covid e nel dettaglio:

  • il caricamento delle domande telematiche sul Sistema Unico;
  • il caricamento delle domande da Sistema Unico nella procedura “Nuova istruttoria CIGO”;
  • l’esecuzione dei controlli di preistruttoria;
  • l’esecuzione dei controlli di istruttoria;
  • la definizione delle domande validate.

Per la cassa integrazione in arrivo diverse innovazioni

La nuova procedura per le autorizzazioni della cassa integrazione Covid ordinaria che renderà più veloce i pagamenti è stata già testata in alcune sedi e presto sarà accessibile da tutti a partire da oggi.

Ma le innovazioni saranno diverse per la cassa integrazione come ha spiegato nel comunicato lo stesso presidente dell’INPS Pasquale Tridico.

“Da tempo stiamo portando avanti un complesso percorso per elevare la qualità dei servizi e rispondere alle urgenti necessità dei cittadini con particolare attenzione sulla Cassa Integrazione, per la quale sono in arrivo diverse innovazioni impostate negli scorsi mesi, tra cui notevoli semplificazioni per la richiesta dei pagamenti, ovvero la fase successiva a quella delle autorizzazioni”.

Queste le parole del presidente che ha aggiunto:

“L’innovazione continua è parte integrante del costante impegno dell’Istituto per migliorare l’efficacia di una mole di prestazioni mai affrontata prima pur con le stesse risorse e gli stessi dipendenti, in un’ottica di collaborazione con l’utenza e di evoluzione digitale del Paese.”

Argomenti

# INPS
# Soldi

Iscriviti alla newsletter

Money Stories