Brexit: c’è l’accordo con l’Ue, sterlina vola. Cosa prevede?

Brexit: l’accordo finanziario tra Ue e Regno Unito è stato trovato. Cosa prevede il divorce bill che sta facendo volare la sterlina inglese?

Brexit: c'è l'accordo con l'Ue, sterlina vola. Cosa prevede?

Cosa prevede il Brexit Bill, l’accordo finanziario trovato da Ue e Regno Unito che sta facendo volare la sterlina?

A rendere noto l’avvenuto raggiungimento di un compromesso sono state le testate giornalistiche britanniche, che hanno parlato di un Paese praticamente piegato ai voleri dell’Unione europea.

Dopo mesi di trattative, ma soprattutto di scontri e posizioni divergenti, pare che le parti in causa abbiano finalmente trovato un punto d’incontro. Per questo oggi più che mai è utile capire cosa prevede il Brexit Bill, l’accordo di divorzio da 55 miliardi di euro che ha determinato un immediato apprezzamento della sterlina inglese.

Cosa prevede l’accordo Brexit

“Il Regno Unito si inchina alle richieste dell’Unione europea”. Così il Financial Times ha comunicato l’avvenuto raggiungimento di un accordo sulla Brexit: con qualche semplice titolo di giornale la sterlina inglese è decollata, sia contro l’euro che contro il dollaro statunitense.

Stando a quanto riportato dalle più recenti notizie provenienti dall’Isola di Sua Maestà, il Regno Unito si sarebbe impegnato a pagare buona parte di quanto richiesto dall’Ue per formalizzare il divorzio. Una “sconfitta” per il Paese che ha sempre rifiutato di parlare di denaro e di pagamenti al blocco europeo.

Il prezzo della Brexit oscillerà intorno ai 50 miliardi di euro, comprendenti le spese che Londra dovrà sostenere in virtù degli impegni presi prima dell’addio di marzo 2019. Nonostante il costo, la sterlina ha festeggiato l’avvenuto raggiungimento del compromesso ed è tornata ad apprezzarsi.

La reazione del pound

Non appena le prime notizie in merito all’accordo sulla Brexit sono trapelate, la sterlina inglese ha iniziato ad apprezzarsi contro le sue due maggior rivali: l’euro e il dollaro statunitense.


Contro la moneta unica, ad esempio, l’apprezzamento della sterlina è stato evidenziato dal crollo del cambio EURGBP da quota 0,90 a quota 0,884. Al momento della scrittura il cross sta scambiando ancora in perdita dello 0,36%.


Il cambio sterlina dollaro, invece, ha preso il volo alla pubblicazione delle prime notizie di stampa britannica ed è salito da quota 1,3 a quota 1,34.

I prossimi passi

Il raggiungimento dell’accordo sulla Brexit permetterà di procedere nei negoziati con un grado di incertezza decisamente inferiore. Nella giornata di lunedì 4 dicembre, il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e Theresa May si incontreranno a pranzo, in un clima sicuramente più disteso.

Il 6 dicembre, invece, toccherà alla stessa Commissione studiare ancora una volta lo stato delle trattative con particolare riferimento alle tematiche più scottanti: immigrazione, commercio, obblighi finanziari, confini con l’Irlanda.

Alla luce di tutto questo, la strada da percorrere per formalizzare il divorzio tra Regno Unito e Ue appare ancora molto lunga e tortuosa ma un primo grande passo è stato già compiuto.

Il raggiungimento di un accordo sulla Brexit, infatti, non ha soltanto fatto decollare la sterlina inglese, ma ha anche spianato la strada alla nascita di un prossimo accordo commerciale.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Brexit

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Alessio Trappolini

Alessio Trappolini

20 ore fa

Mercati: due anni dopo la Brexit, meglio stare lontani dai bond di Sua Maestà

Mercati: due anni dopo la Brexit, meglio stare lontani dai bond di Sua Maestà

Commenta

Condividi

Cristiana Gagliarducci

Cristiana Gagliarducci

3 giorni fa

Sterlina inglese: è tonfo tra Brexit e Bank of England

Sterlina inglese: è tonfo tra Brexit e Bank of England

Commenta

Condividi

Marco Ciotola -

Brexit: non calano gli investimenti ma il sentiment peggiora

Brexit: non calano gli investimenti ma il sentiment peggiora

Commenta

Condividi