Asili nido e infanzia: ci sono le linee guida per settembre. Ecco cosa cambia

Asili nido e infanzia: ci sono le linee guida del ministero dell’Istruzione per settembre approvate dalla Conferenza Unificata Stato Regioni già il 31 luglio. Vediamo cosa cambia a partire dal prossimo anno scolastico per i bambini da 0 a 6 anni secondo il testo del documento appena pubblicato.

Asili nido e infanzia: ci sono le linee guida per settembre. Ecco cosa cambia

Asili nido e infanzia: ci sono le linee guida del ministero dell’Istruzione per il rientro a settembre approvate lo scorso venerdì dalla Conferenza Unificata Stato Regioni dopo il parere positivo del Comitato tecnico scientifico.

Cosa cambia con le nuove linee guida per gli asili nido e infanzia che ospitano i bambini da 0 a 6 anni a partire da settembre lo si evince dalla lettura dettagliata del Documento d’indirizzo e orientamento per la ripresa delle attività in presenza appena pubblicato che segue il Piano scuola di un mese fa e che questo vanno a integrare.

Il documento contenente le linee guida per asili nido e infanzia per settembre è il risultato del lavoro coordinato dal ministero dell’Istruzione con gli altri ministeri competenti, le Regioni e l’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI).

Le linee guida, approvate il 31 luglio, tengono conto, come il Miur stesso annuncia in un comunicato, di quanto emerso dal confronto con due tavoli di ascolto con scuole paritarie, gestori, associazioni e sindacati.

Asili nidi e infanzia apriranno a settembre, ma cambierà la gestione degli spazi e i bambini saranno divisi in gruppi. Novità anche per la mensa e il riposino pomeridiano.

Asili nido e infanzia: linee guida Miur. Ecco cosa cambia da settembre

Il testo delle linee guida per asili nido e infanzia del Miur stabilisce cosa cambia da settembre e come per i bambini da 0 a 6 anni.

Il documento contenente le linee guida sta circolando in queste ore e a breve sarà pubblicato sul sito del ministero dell’Istruzione guidato da Lucia Azzolina. Il documento si divide in diversi capitoli e sono:

  1. Corresponsabilità educativa;
  2. Stabilità dei gruppi;
  3. Organizzazione degli spazi;
  4. Aspetti organizzativi;
  5. Figure professionali;
  6. Refezione e riposo pomeridiano;
  7. Protocolli di sicurezza;
  8. Formazione del personale;
  9. Disabilità e inclusione;
  10. Indicazioni igienico-sanitarie/allegato tecnico.

Il primo capitolo relativo alla corresponsabilità educativa prevede che venga stipulato un patto tra genitori e scuola per assicurare che i bambini possano a settembre entrare in sicurezza in asili nido e infanzia, quello che anche il comune di Roma per esempio, aveva stabilito.

Nel rispetto del patto i genitori faranno sì che nel caso di sintomatologia sospetta di COVID-19 nel bambino, ma anche di un componente del nucleo familiare o accompagnatore, lo stesso non potrà accedere all’asilo nido o scuola dell’infanzia. Pertanto si chiede ai genitori di procedere con l’auto-monitoraggio delle condizioni di salute del bambino e della famiglia nel rispetto del patto di corresponsabilità stesso.

Il secondo capitolo introduce il principio della stabilità dei gruppi e quindi i bambini saranno divisi e avranno educatori di riferimento che dovranno essere sempre gli stessi. Pertanto, seppur si mantiene la socialità nel singolo gruppo, si deve evitare l’interazione tra gruppi diversi. A tal proposito il Comune di Roma, per fare un esempio, ha previsto assunzioni di insegnanti proprio per ottemperare a questo principio.

Anche per gli spazi questi dovranno essere organizzati internamente per i singoli gruppi evitando le interazioni, e allo stesso tempo è da favorire anche l’utilizzo degli spazi esterni. I giocattoli e il materiale ludico-didattico in generale dovrà essere assegnato in maniera esclusiva ai singoli gruppi o sezioni. Anche gli spazi interni potranno essere riconvertiti per accogliere i gruppi di bambini che frequentano asili nido e infanzia e che rientreranno a settembre.

L’impegno, come abbiamo anticipato, per coloro che sottoscrivono il documento è aumentare l’organico come anche il MIUR per asili nido e scuole dell’infanzia pubbliche si è impegnato a fare.

I bambini potranno essere accompagnati da un solo genitore che accederà ai locali con la mascherina. Bisognerebbe organizzare gli spazi con accesso e uscita differenziati o anche tenere un registro delle presenze per monitorare chi accede alla struttura.

I bambini che accedono alla scuola dell’infanzia o asili nido non dovranno indossare la mascherina come anche non sarà necessario rilevare la temperatura, che comunque non dovrà essere superiore a 37.5°C. Anche i bambini non dovranno essere stati in contatto con positivi al COVID-19 nei 14 giorni precedenti né dovranno essere stati in quarantena o isolamento domiciliare. Anche le norme igieniche personali dovranno essere rispettate.

Novità per asili nido e infanzia da settembre ci sono per la mensa e gli spazi relativi al riposino pomeridiano qualora previsto. Per quanto riguarda la mensa i bambini dovranno utilizzare gli spazi adibiti alla refezione, debitamente puliti, a gruppi.

Non solo il pasto potrà essere anche consumato in aula, ma questa dovrà essere sanificata e opportunamente aerata. Ciascun bambino potrà avere, qualora non lo preveda la struttura, il proprio pasto portato da casa purché sia differenziato e riconoscibile come appartenente al singolo.

Anche lo spazio per il riposino dovrà avere biancheria sempre pulita e aerazione prima e dopo il suo utilizzo. Le linee guida per asili nido e infanzia da settembre raccomandano infine l’igienizzazione e sanificazione quotidiana di ambienti, locali e materiale didattico nel rispetto delle direttive.

Il personale dovrà indossare la mascherina oltre a guanti e altri dispositivi di sicurezza di protezione del viso in alcune attività come il cambio dei pannolini per i bambini più piccoli.

MIUR su linee guida asili nido e infanzia da settembre

Il MIUR ha annunciato con entusiasmo le linee guida per asili nido e infanzia da settembre e come un importante obiettivo raggiunto stabilito per la fine di luglio 2020. Come da comunicato ministeriale, la vice di Azzolina, Anna Ascani ha dichiarato:

“Abbiamo lavorato sodo, con tutti i soggetti coinvolti che ringrazio per l’impegno, per far sì che questo documento arrivasse prima possibile. Avevamo promesso di produrre le linee guida entro il 31 luglio, non potevamo permetterci di tardare. Siamo consapevoli dell’importanza di fornire indicazioni alle strutture che offrono servizi educativi per i più piccoli, alle scuole dell’infanzia, ai territori, ma anche ai vari operatori e alle famiglie, per predisporre una ripresa delle attività in presenza e in sicurezza, assicurando la qualità dell’esperienza educativa e formativa dei bambini. Anche grazie al confronto con il Comitato tecnico scientifico, che ci è stato accanto con grande disponibilità nella definizione degli indirizzi, abbiamo prodotto un documento che accompagnerà l’organizzazione in sicurezza del rientro di settembre per la fascia 0-6. Continueremo a impegnarci per garantire il benessere di ogni bambino e allo stesso tempo la salute di tutti”.

Alleghiamo di seguito il documento integrale contenente le linee guida per asili nido e infanzia da settembre appena pubblicato sul sito del MIUR.

Linee guida asili nido e infanzia per il rientro a settembre
Adozione del «Documento di indirizzo e orientamento per la ripresa delle attività in presenza dei servizi educativi e delle scuole dell’infanzia».

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories