Contratto a tutele crescenti

Il contratto di lavoro a tutele crescenti non rappresenta in realtà una nuova tipologia contrattuale ma un nuovo regime sanzionatorio in caso di licenziamento illegittimo in sostituzione della disciplina prevista dall’art. 18 dello Statuto dei Lavoratori (Legge n. 300/1970).

Questo nuovo regime sanzionatorio viene applicato solo a coloro che, alla data di entrata in vigore del Decreto Lgs n. 23/2015, ovvero il 7 aprile 2015, sono stati assunti con contratto a tempo indeterminato.

In caso di licenziamento ingiustificato il lavoratore non ha più diritto al reintegro ma ad un indennizzo che cresce con l’aumentare dell’anzianità lavorativa.

Contratto a tutele crescenti, ultimi articoli su Money.it

Bonus assunzioni: assumere nel 2016 conviene?

Stefania Manservigi

22 Ottobre 2015 - 10:17

Bonus assunzioni: assumere nel 2016 conviene?

La Legge di Stabilità ha confermato anche per il 2016 il bonus 2016, riducendo tuttavia lo sgravio contributivo. Alle imprese conviene assumere nel 2016?

Contratto a tutele crescenti e licenziamento: come funziona?

Stefania Manservigi

21 Luglio 2015 - 16:18

Contratto a tutele crescenti e licenziamento: come funziona?

Dal 7 marzo 2015, con il Decreto legislativo n. 23 del 4 marzo 2015, è entrato in vigore il contratto a tutele crescenti che ha modificato il regime di tutela in caso di licenziamento. Vediamo come funziona il nuovo contratto a tutele crescenti.