Cittadinanza italiana

La cittadinanza italiana è il rapporto tra individuo e Stato con il quale vengono riconosciuti al cittadino diritti civili e politici pieni.

In Italia la legge che regola la cittadinanza è la n. 91 del 5 febbraio 1992. Nella norma di riferimento è disposto che la cittadinanza italiana si acquisti per nascita o adozione, anche se esiste la possibilità di acquisirla anche se si nasce sul territorio italiano da genitori apolidi, ignoti o che non possono trasmettere al figlio la propria cittadinanza secondo le regole previste dallo Stato d’origine.

Gli stranieri con residenza in Italia da almeno 10 anni possono richiedere la cittadinanza italiana se sono in possesso di redditi necessari al sostentamento, se non hanno precedenti penali e se non ci sono motivi di sicurezza pubblica che ne ostacolano il riconoscimento. Inoltre la cittadinanza italiana si acquisisce anche a seguito di matrimonio con un cittadino.

Per ottenere la cittadinanza italiana è necessario presentare domanda.

Diversa è invece la cittadinanza dell’Unione Europea. Come stabilito dal trattato di Maastricht sono cittadini dell’Unione Europea tutti i cittadini con cittadinanza in uno degli Stati membri e che quindi è titolare di specifici diritti e doveri.

Cittadinanza italiana, ultimi articoli su Money.it

Cos’è lo Ius culturae e che differenza c’è con lo Ius soli

Isabella Policarpio

18 Novembre 2019 - 10:12

Cos'è lo Ius culturae e che differenza c'è con lo Ius soli

Ius culturae e Ius soli sono principi di acquisizione della cittadinanza che si contrappongono allo Ius sanguinis, in vigore in Italia. Qui differenze, pro e contro della proposta del PD di introdurre lo Ius culturae.

Come si perde la cittadinanza italiana?

Isabella Policarpio

9 Aprile 2019 - 16:05

Come si perde la cittadinanza italiana?

La cittadinanza italiana si perde tramite revoca dell’autorità nei casi tassativamente previsti dalla legge 91/1992 e dalla legge Salvini. I dettagli.