Assegno di mantenimento

L’assegno di mantenimento è un contributo economico che deve essere corrisposto da parte di un coniuge o di un genitore a favore dell’altro in caso di separazione, divorzio, o necessità.

L’istituto dell’assegno di mantenimento viene disciplinato dall’art 156 c.c. ed è un provvedimento disposto dal giudice a favore del coniuge a cui non è addebitabile la separazione e che non possa disporre di sufficienti redditi propri, ma può essere anche deciso liberamente dalle parti con la sottoscrizione di un accordo.

L’assegno di mantenimento, a differenza dell’assegno di alimenti, serve a garantire al coniuge a favore di cui viene disposto la possibilità di mantenere un tenore di vita proporzionato alla propria condizione economica.

Assegno di mantenimento, ultimi articoli su Money.it

Si può pignorare l’assegno di mantenimento? Quando e limite

Isabella Policarpio

9 Giugno 2020 - 10:31

 Si può pignorare l'assegno di mantenimento? Quando e limite

Anche l’assegno di mantenimento può essere pignorato, ma non completamente: al beneficiario va garantito l’importo minimo per condurre una vita dignitosa. Il limite alla pignorabilità è stabilito dal giudice.

Divorzio e separazione: a chi va la casa coniugale?

Isabella Policarpio

4 Marzo 2020 - 13:51

Divorzio e separazione: a chi va la casa coniugale?

La casa coniugale dopo il divorzio o la separazione viene assegnata dal giudice. Questa spetta al genitore affidatario dei figli minori e non economicamente indipendenti. Ecco cosa dice la legge.