Rottamazione cartelle 2017 per tutti e con più tempo per pagare

icon calendar icon person
Rottamazione cartelle 2017 per tutti e con più tempo per pagare

Rottamazione cartelle 2017: gli emendamenti al DL 148/2017 chiedono di estendere a tutti la possibilità di presentare domanda, concedendo più tempo per il pagamento delle rate. Ecco le novità.

Rottamazione cartelle 2017 per tutti, anche per chi non aveva aderito alla precedente fase, con la possibilità di pagare le rate con scadenze meno proibitive.

Sono queste alcune delle novità previste dagli emendamenti al Decreto Legge 148/2017 presentati al Senato e che potrebbero cambiare le regole previste per la rottamazione bis delle cartelle.

Una delle novità riguarda chi, pur avendo già aderito alla rottamazione delle cartelle Equitalia, era decaduto a causa del mancato pagamento delle rate di luglio e settembre 2017.

L’altra, invece, estende anche ai contribuenti che non avevano presentato domanda di rottamazione - per le cartelle affidate fino al 31 dicembre 2016 - di beneficiare della nuova definizione agevolata dei ruoli 2017.

Gli emendamenti al DL 148/2017 verranno discussi a partire dal 15 novembre 2017: mercoledì prossimo partirà l’iter che dovrà portare, entro il 15 dicembre, alla conversione in legge del decreto legge in materia fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2018.

Tra i punti più importanti e che si preannunciano fronte caldo di discussione vi è la rottamazione bis delle cartelle 2017 e i numerosi emendamenti di modifica al testo del decreto legge approvato dal Governo.

Rottamazione cartelle 2017 estesa a tutti: gli emendamenti al DL 148/2017

Tra gli emendamenti al DL 148/2017, consultabili sul dossier di documentazione del Senato, vi è quello presentato dall’on. Giorgio Santini del PD che chiede di estendere a tutti la possibilità di presentare domanda di rottamazione delle cartelle.

In sostanza, verrebbero ammessi anche coloro che non avevano presentato precedente istanza di adesione, e quindi la possibilità di aderire alla rottamazione bis verrebbe di fatto estesa a tutte le cartelle Equitalia.

Attualmente, l’art. 1 del DL 148/2017 prevede che soltanto chi ha già presentato domanda lo scorso anno e non è riuscito a pagare le rate di luglio e settembre 2017 in tempo possa essere riammesso pagando l’importo dovuto entro il 30 novembre 2017.

L’emendamento 1.2 a firma Santini propone che possano essere estinti i debiti relativi a carichi affidati agli agenti della riscossione dal 2000 al 2016 anche se non oggetto di precedente rottamazione, oltre che quelli relativi a ruoli affidati dal 1° gennaio al 30 settembre 2017.

Tra le novità, inoltre, viene chiesto di rinviare la scadenza per presentare domanda di rottamazione, che slitterebbe per tutti al 15 maggio 2018.

Rottamazione cartelle 2017: proroga scadenza terza rata e più tempo per pagare

Gli emendamenti presentati al DL 148/2017 prevedono numerose e importanti novità anche in merito al pagamento delle rate per chi ha aderito alla rottamazione delle cartelle Equitalia e per chi presenterà domanda per i ruoli affidati fino a settembre 2017.

Vediamo di seguito alcune delle proposte di modifica presentate e che verranno discusse a partire dal 15 novembre 2017.

Scadenza terza rata novembre 2017, proroga al 31 dicembre
Sono diversi gli emendamenti che chiedono di prorogare al 31 dicembre 2017 la scadenza per il pagamento della terza rata di rottamazione delle cartelle Equitalia.

La novità interesserebbe sia i contribuenti con rate scadute a luglio e settembre 2017 intenzionati ad essere riammessi alla rottamazione che coloro in regola con i pagamenti.

Attualmente è infatti previsto che chi non ha pagato le rate precedenti possa mettersi in regola e non perdere i benefici della rottamazione pagando entro il 30 novembre 2017 la prima e la seconda rata.

La stessa scadenza riguarda anche il termine per pagare la terza rata, cosa che ovviamente limiterebbe soprattutto quei contribuenti che già in precedenza erano stati impossibilitati a pagare a causa di problemi di liquidità.

L’approvazione dell’emendamento al DL fiscale 148/2017 darebbe un mese in più di tempo, prorogando di fatto la scadenza del 30 novembre al 31 dicembre 2017 per tutti.

Più rate per i contribuenti con ISEE basso
Tra i molti emendamenti presentati per chiedere di modificare le regole attualmente vi è quello a firma Puglia, Lezzi, Bulgarelli e Mangili rivolto ai contribuenti con redditi bassi.

La proposta è quella di differenziare il piano di rateizzazione previsto per i carichi di ruolo dei contribuenti con reddito ISEE inferiore a 20.000 euro, per i quali viene richiesto un piano di dilazione fino ad un massimo di venti rate.

Iscriviti alla newsletter "Fisco" per ricevere le news su Rottamazione cartelle Equitalia

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Chiudi [X]