Rinnovo contratti statali: per le Forze dell’Ordine lo stipendio sarà più basso, ecco perché

icon calendar icon person
 Rinnovo contratti statali: per le Forze dell'Ordine lo stipendio sarà più basso, ecco perché

Forze dell’Ordine, la trattativa per il rinnovo del contratto inizia domani. Ma per il bonus di 80€ non c’è alcuna proroga.

Rinnovo contratto statali, novità per le Forze dell’Ordine: stipendio più basso a causa della non conferma del bonus Renzi da 80€?

Nel 2016 è stato raggiunto l’accordo per il rinnovo dei contratti per la pubblica amministrazione sulla base di un incremento di stipendio medio pari ad 85€. Adesso non ci resta che attendere che l’intesa raggiunta tra il Governo e i sindacati CGIL, CISL e UIL venga messa in pratica con il tanto atteso rinnovo dei contratti per il pubblico impiego.

Non tutti però sono soddisfatti dell’accordo raggiunto, come testimoniano le parole di Angelo Urso, Segretario Generale della UILPA Polizia Penitenziaria. Questo, dopo aver letto i contenuti della bozza del Milleproroghe, ha fatto chiarezza su quello che sarà lo stipendio per gli agenti delle Forze dell’Ordine dopo che si procederà con il rinnovo del contratto. Stando a quanto rivelato dal segretario dell’UILPA, lo stipendio per le Forze dell’Ordine rischia di essere più basso rispetto a quanto prospettato dal Governo nei mesi scorsi.

La motivazione sta nella non conferma del bonus Renzi da 80€ che non è stato prorogato per il 2017.

Rinnovo contratto statali, ultime novità: Forze Armate beffate, niente conferma per il bonus 80€

Nonostante nelle ultime settimane le Forze di Polizia stiano ottenendo molti complimenti da parte delle istituzioni per i risultati ottenuti nella lotta contro il terrorismo islamico, per loro non ci sarà alcuna valorizzazione economica. Infatti, nel decreto Milleproroghe non c’è la proroga del bonus di 80€ per gli operatori del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico. “Una beffa per le Forze di Polizia” ha commentato Angelo Urso, Segretario Generale della UILPA Polizia Penitenziaria.

Questa decisione dello Stato si aggiunge alle altre perplessità generate dalla Legge di Bilancio, riguardo ad alcuni nodi ancora da sciogliere. Insomma, né per le Forze di Polizia, né per quelle delle Forze Armate e dei Vigili del Fuoco, ci sarà la conferma del bonus da 80€.

Quindi questi fino a quando non verrà completato il riordino delle carriere, non riceveranno gli 80€ a fine mese. A tal proposito il sindacato ha chiesto un confronto con i Ministri Madia, Padoan, Orlando, Minniti e Pinotti in cui si dovrà discutere di un testo condiviso con cui procedere una volta per tutte al riordino delle carriere.

Quello che però Urso non sa è che presto ci potrebbe essere un’ulteriore semplificazione delle Forze dell’Ordine con la Polizia Penitenziaria che verrebbe accorpata nella Polizia di Stato. Al momento si tratta solamente di ipotesi, ma non è detto che nei prossimi mesi il nuovo Governo non proceda in questa direzione.

Per saperne di più, leggi anche: Forze dell’Ordine: dopo la Forestale addio alla Penitenziaria e alle Squadre Nautiche?

Rinnovo contratti statali: per quando è in programma?

L’accordo quadro per il rinnovo del contratto è stato firmato dal Ministro della Pubblica Amministrazione Marianna Madia e dai sindacati CGIL, CISL e UIL lo scorso 30 novembre. In quell’occasione è stato raggiunto l’accordo sulla base di un aumento di stipendio medio pari a 85 euro lordi, ma l’avvio della trattativa vera e propria che porterà al tanto atteso rinnovo dei contratti degli statali, bloccati da oltre sette anni, è in programma per domani.

Infatti, domani l’Aran, Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni, e i sindacati si incontreranno per dare seguito all’accordo quadro raggiunto a novembre.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro"

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Chiudi [X]