Guerra commerciale: Cina pressa Ue. Vuole alleanza anti-USA

Guerra commerciale: la Cina pressa l’Unione europea per coalizzarsi contro gli USA a pochi giorni dal 6 luglio. Parte il valzer delle alleanze.

Guerra commerciale: Cina pressa Ue. Vuole alleanza anti-USA

Ancora guerra commerciale al centro delle discussioni internazionali.

A pochi passi dal 6 luglio, giorno in cui entreranno in vigore i dazi di Donald Trump, la Cina sta cercando di convincere l’Unione europea a dar vita ad una vera e propria coalizione contro gli USA, da far valere in sede di WTO, l’Organizzazione Mondiale del Commercio che il presidente americano vorrebbe abbandonare.

A riportare le ultime sulla guerra commerciale Reuters, secondo cui Pechino starebbe pressando Bruxelles chiedendo il rilascio di una dichiarazione congiunta contro il protezionismo, le tariffe e i dazi di Donald Trump.

Secondo le citate indiscrezioni, numerosi esponenti e alti funzionari del governo cinese avrebbero offerto alla Ue una maggiore apertura del mercato in cambio della citata coalizione anti-USA. Bruxelles, però, avrebbe già espresso qualche perplessità tramite alcuni diplomatici che hanno già respinto l’idea di un’alleanza con la Cina.

La guerra commerciale frena le Borse

Un momento carico di tensione quello che USA, Cina e Unione europea stanno vivendo oggi. Una fase che sta continuando a pesare anche sull’andamento dei mercati internazionali. Anche oggi, mercoledì 4 luglio, le Borse asiatiche hanno archiviato la sessione in rosso, con ribassi che in alcuni casi hanno superato il singolo punto percentuale.

Non meno negativa l’apertura dei mercati europei, con tutte le principali piazze del Vecchio Continente a scambiare sotto la parità:

  • Francoforte: -0,21%;
  • Parigi: -0,17%;
  • Milano: -0,23%;
  • Madrid: -0,09%;
  • Londra: -0,41%.

Allerta per i viaggiatori cinesi

Non soltanto ripercussioni meramente economiche, ma anche conseguenze per i semplici viaggiatori cinesi diretti negli Stati Uniti quelle derivanti dalla guerra commerciale fra Washington e Pechino.

L’ambasciata asiatica nella capitale USA ha emanato un avviso di sicurezza nei loro confronti, invitandoli ad alzare la guardia e addirittura ad evitare di uscire da soli durante le ore notturne.

“La sicurezza pubblica negli Stati Uniti non è buona. Casi di sparatorie, rapine e furti sono frequenti”,

ha affermato l’ambasciata.

Il tutto sulla scia di una guerra commerciale sempre più accesa che aprirà le porte il prossimo 6 luglio, all’imponente nuova ondata di dazi multimiliardari firmati da Donald Trump.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Guerra commerciale

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.