Eni paga la seconda tranche del dividendo 2023: come operare sul titolo?

Claudia Cervi

21 Novembre 2022 - 08:00

condividi

Eni stacca oggi la seconda tranche del dividendo trimestrale da 0,22 euro relativo all’esercizio 2022. Come operare sul titolo? Ecco una strategia con i Turbo Certificates di Bnp Paribas.

Eni paga la seconda tranche del dividendo 2023: come operare sul titolo?

Eni non risente del calo del petrolio. Il titolo ha perso terreno la scorsa ottava dopo aver avvicinato i massimi del 2022 a 14,85 euro, ma ha terminato la seduta al rialzo a 14,188 euro (+0,72%). Oggi gli azionisti ricevono la seconda tranche del dividendo 2023, relativo all’esercizio 2022, da 0,22 euro, con un rendimento pari all’1,55%. Come altri titoli del comparto energetico, anche Eni ha incrementato i profitti grazie alla spinta dei prezzi energetici. Ecco tutte le novità che potrebbero muovere il prezzo a Piazza Affari.

Il gruppo è impegnato a sostituire le forniture di gas russo con quelle provenienti dall’Algeria, che raddoppieranno entro il 2024 a 18 miliardi di metri cubi. In una intervista a Il Sole 24 Ore, Lucia Calvosa, presidente di Eni, ha sottolineato l’impegno di «sostituire circa 20 miliardi di metri cubi all’anno» di gas russo entro il 2025.

Le raccomandazioni delle banche d’affari restano positive sul titolo di Piazza Affari, a partire da Equita Sim che indica un prezzo obiettivo a 19 euro. Anche gli analisti di Intesa Sanpaolo rinnovano il giudizio buy con fair value a 16,6 euro.

Il grafico di Eni mette in evidenza una progressiva perdita di momentum a partire dal picco di inizio novembre: nonostante il massimo del 16 novembre a 14,656 euro sia superiore a quello del 7 novembre a 14,31 euro, l’Rsi a 14 sedute ha smesso di crescere formando una divergenza ribassista con i prezzi. La comparsa di questi elementi quando il titolo si è scontrato nuovamente con la trend line che scende dai massimi del 2018 potrebbe frenare le ambizioni di crescita e favorire l’avvio di una correzione. Conferme in tal senso giungerebbero sotto area 13,96, neckline di un potenziale testa e spalle ribassista in formazione dal top del 7 novembre. Target in quel caso a 13,30 euro poi a 12,70 circa. Diversamente, la rottura al rialzo di 14,65 euro aprirebbe nuovi spazi al rialzo verso obiettivi in area 15, permettendo di ricoprire così il gap ribassista lasciato aperto il 6 maggio 2019.

Vediamo ora come investire con un Turbo Certificates di Bnp Paribas sulla base di queste informazioni.

Grafico giornaliero azioni Eni Grafico giornaliero azioni Eni Fonte TeleTrader

Eni, grafico giornaliero. Fonte: TeleTrader

Sintetizziamo di seguito i livelli da monitorare per la nostra strategia:

Trigger: sotto 13,96 euro
Primo target: 13,30 euro
Secondo target: 12,70 euro
Stop loss: 14,65 euro

Analisi tecnica su Eni: strategie operative

Su Eni ipotizziamo una strategia «short» sotto 13,96 euro con stop loss localizzato sopra 14,65 e obiettivo a 13,30 circa.

Per questa strategia, si adatta il certificato Turbo Short di Bnp Paribas con ISIN NLBNPIT1INN0 e leva 5,38.

Resta sempre aggiornato

Iscriviti alla newsletter di BNP Paribas

Iscriviti subito

AVVERTENZA

La presente pubblicazione è stata preparata da Money.it srl a socio unico (l’Editore), con sede legale in Via XX Settembre, 40 - 00187 Roma, in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’Editore. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’Editore; tuttavia, l’Editore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. BNP Paribas e le società del gruppo BNP Paribas non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, le presunzioni di calcolo, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l’Editore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione.

Per informazioni su Money.it srl a socio unico, in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.

Iscriviti a Money.it