Il bonus insegnanti degli anni scorsi non si perde: i chiarimenti del Miur

Il Miur ha deciso di salvaguardare il bonus insegnanti riconosciuto nell’a.s. 2016-2017; le somme non spese non andranno perse ma saranno - eccezionalmente - accreditate sulla Carta del Docente.

Il bonus insegnanti degli anni scorsi non si perde: i chiarimenti del Miur

Importanti chiarimenti da parte del Miur in merito al bonus insegnanti, il contributo di 500€ riconosciuto ai docenti di ruolo impiegati nelle scuole pubbliche a titolo di rimborso per le spese sostenute per la loro formazione e aggiornamento professionale.

Nel dettaglio, tramite un messaggio pubblicato sulla pagina del sito dedicato alla Carta del Docente (la piattaforma dove viene accreditato il bonus e dove i docenti possono generare i buoni spesa) il Ministero dell’Istruzione ha fatto chiarezza su cosa succederà alle somme non spese del bonus facente riferimento all’anno scolastico 2016-2017.

Secondo quanto spiegato nel DPCM 28 novembre 2016, infatti, le somme residue dovevano andare perse dal 1° settembre 2018, vista la scadenza della validità del bonus. Questo perché nel suddetto decreto si legge che il bonus va speso entro l’anno successivo dall’anno di maturazione, pena la perdita del contributo.

Tuttavia il Miur ha deciso di tornare sui propri passi rivedendo quanto stabilito nel DPCM del novembre 2016; nel messaggio pubblicato sul sito ufficiale, infatti, viene comunicata la decisione di prolungare la scadenza del contributo riconosciuto per l’a.s. 2016-2017 scongiurando così qualsiasi possibilità di perdita delle somme non spese.

Il bonus insegnanti residuo non si perde

Nel messaggio che il Miur ha appena pubblicato si legge che le somme residue dei bonus accreditati negli anni scolastici 2016-2017 e 2017-2018 saranno accreditate entrambe nel borsellino elettronico insieme ai 500€ riconosciuti per l’a.s. 2018-2019.

Nei giorni scorsi i rappresentanti del Miur avevano già anticipato la loro decisione ai sindacati, motivandola con la volontà di salvaguardare le somme residue del bonus 2016-2017 visto che questo era stato accreditato con notevole ritardo rispetto ai piani iniziali (a dicembre del 2016).

A tal proposito gli importi dei buoni prenotati e non spesi verranno annullati d’ufficio ed attribuiti al residuo dell’anno scolastico 2016-2017 e 2017-2018.

Almeno per quest’anno, quindi, le somme residue non andranno perse. Dal prossimo, invece, la situazione dovrebbe tornare alla normalità quindi - salvo diverse disposizioni da parte del Miur - bisognerà spendere tutte le somme residue sia del bonus 2016-2017 che di quello 2017-2018 entro il 31 agosto 2019, pena la loro perdita definitiva.

Carta del Docente offline

Si ricorda che nei prossimi giorni la Carta del Docente - ovvero la piattaforma online con cui i docenti possono gestire il bonus 500€ - sarà offline. Come precedentemente comunicato, infatti, il servizio dal 1° settembre 2018 è stato sospeso per la gestione del cambio dell’anno scolastico.

Nello stesso periodo è stata bloccata la funzione di validazione dei buoni sia da applicazione che da web-service.

Per informazioni generali è possibile contattare il numero 080 926 7603 che fornisce assistenza tecnica dal lunedì al venerdì dalle 14:00 alle 18:00. Se non avete richieste urgenti comunque vi consigliamo di pazientare poiché la piattaforma tornerà online tra pochi giorni.

Da quel momento i portafogli dei docenti già registrati torneranno ad essere attivi e contemporaneamente ci dovrebbe essere l’accredito dei 500€ di quest’anno a cui si andranno a sommare le somme residue degli anni scorsi.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Insegnanti

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.