T-Note Future in difficoltà, riusciranno i prezzi a mettere in piedi un rimbalzo?

La discesa nelle quotazioni del T-Note Future potrebbe essere alimentata anche dal timore dell’assenza del fronte cinese al tavolo degli acquirenti dell’asta di bond governativi americani

T-Note Future in difficoltà, riusciranno i prezzi a mettere in piedi un rimbalzo?

Si scalda la settimana per i titoli governativi americani che nella giornata di oggi vedrà iniziare l’asta delle scadenze di medio periodo.

Durante questa ottava infatti il Tesoro statunitense pianifica di collocare fino a 230 miliardi di dollari in titoli di Stato.

Il problema questa volta è dato dalla possibile mancanza di compratori cinesi, che secondo alcune voci starebbero vendendo i bond americani: tale ipotesi rimanda alle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina.

Se ciò si rivelasse veritiero, si potrebbe assistere ad un ulteriore incremento nei rendimenti del T-Note, già vicini ai massimi degli ultimi 7 anni.


T-Note Future, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

Dal punto di vista grafico si nota come le quotazioni del T-Note Future, dopo due sedute di lieve recupero, abbiano ricominciato a deprezzarsi, portandosi al di sotto dei livelli di apertura di ieri, a 117,20 punti.

Le vendite non sembrano quindi volersi fermare, anche se a livello tecnico si è giunti al supporto di area 117,22 punti, ereditato dai minimi del 9 febbraio 2011.

Se i corsi dovessero effettuare il breakout di tale livello, la possibilità di un ulteriore crollo fino ai 115 punti sono elevate.

Affiancando all’analisi dei prezzi quella algoritmica, in questo caso con un RSI a 14 periodi, si nota come, seppur non evidenziando divergenze, l’andamento dell’oscillatore sia in fase di ipervenduto. Tale fattore dovrebbe far scattare un alert in quanto i prezzi potrebbero essere giunti in una fase di eccesso che avrebbe la possibilità di scaricarsi su questo livello supportivo.

A tal proposito una buona conferma per il fronte rialzista si avrebbe in caso di ritorno dei prezzi al di sopra di 117,27 punti. Tale rimbalzo dovrebbe però essere inteso come mero sfogo delle quotazioni dopo le pesanti vendite degli scorsi giorni, e non come una inversione di tendenza, che resta fortemente ribassista.

Fai trading ora con eToro Demo gratuita

Strategie operative su T-Note Future

Dato che i prezzi sembrano in una fase di eccesso di vendita, si potrebbero sfruttare gli attuali livelli per effettuare un tipo di operatività a matrice rialzista.

In questo caso, l’entry point si potrebbe individuare a 117,27 punti, lo stop loss a 117,08 punti e l’obiettivo principale a 118,16. L’obiettivo finale sarebbe invece localizzato a 118,20 punti.

Iscriviti alla newsletter

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.