Vaccini, Italia prima nell’UE: meglio della Germania, un abisso con la Francia

Alessandro Cipolla

7 Gennaio 2021 - 12:05

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Al momento l’Italia con 322.943 somministrazioni ha vaccinato al Covid lo 0,55% della popolazione, meglio dello 0,44% della Germania i cui dati però si riferiscono al 5 gennaio e dello 0,01% della Francia, dove la campagna sta procedendo a rilento.

Vaccini, Italia prima nell'UE: meglio della Germania, un abisso con la Francia

Inizia a correre l’Italia sul fronte vaccino anti-Covid, tanto che il problema maggiore al momento sarebbe il ritardo di Pfizer nella consegna delle dosi pattuite visto che ieri ne mancavano all’appello ben 245.000.

Al 6 gennaio in totale sono state vaccinate nel nostro Paese 322.943 persone, con il Lazio che avrebbe esaurito le scorte arrivate mentre sarebbero in ritardo Sardegna, Calabria e la Lombardia, dove il Pirellone ha utilizzao solo il 21% delle dosi a disposizione.

Finora in Italia è stato così vaccinato lo 0,55% della popolazione, una percentuale che la rende prima tra i Paesi dell’Unione Europea in questa sorta di speciale graduatoria legata al vaccino anti-Covid.

La Germania infatti, ma i dati si riferiscono al 5 gennaio, ha somministrato in totale 367.331 dosi immunizzando così lo 0,44% della popolazione, con l’Estonia poi a completare il podio con lo 0,38%.

Più staccata la Spagna con 139.339 persone vaccinate (0,30% ma anche qui i dati si riferiscono al 5 gennaio), mentre le dosi somministrate in Polonia sono state al momento 92.220 e in Romania 58.544.

Con l’Olanda che inizierà la propria campagna soltanto l’8 gennaio, in Europa dove si sta procedendo più a rilento è in Francia: con appena 5.000 somministrazioni al 5 gennaio, Oltralpe è stata vaccinata finora soltanto lo 0,01% della popolazione.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories