Forex: lira turca scende ma non crolla dopo attacco ad Ankara. Ecco perché

La lira turca non crolla contro dollaro e euro dopo l’attentato terroristico di domenica ad Ankara. Perché?

La lira turca scende contro Euro e Dollaro ma non crolla a seguito del violento attacco terroristico ad Ankara avvenuto domenica, a seguito del quale in molti si attendevano una forte ondata di debolezza sulla lira turca e i mercati finanziari locali.

Il cambio euro-lira turca (EUR/TRY) segna un rialzo in favore dell’euro di solo lo 0.09% a quota 3.2052, mentre il cambio dollaro-lira turca (USD/TRY) segna un +0.57% a 2.8833.

Intanto, degli aerei da guerra turchi hanno colpito dei militanti curdi nei territori dell’Iraq poche ore dopo l’attacco terroristico nella capitale della Turchia, Ankara, in cui un terrorista suicida ha ucciso almeno 37 persone, scatenando un’immediata reazione da parte del governo.

Il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, ha promesso di mettere il terrorismo «in ginocchio».

Come risultato, tuttavia, sui mercati finanziari la lira turca non è crollata contro Euro e Dollaro, segnando delle perdite ma non così ampie come ci si sarebbe aspettato.

I mercati turchi stanno mostrando una reazione molto limitata all’attacco di Ankara, con la lira turca che perde terreno soprattutto contro il dollaro USA ma in linea con i movimenti delle valute degli altri paesi emergenti, mentre l’azionario rimane piatto.

Attacco Ankara: la lira turca non crolla. Ecco perché

Per la lira turca contro dollaro ed euro la debolezza è lieve dopo l’attacco terroristico di domenica nella capitale, Ankara, in cui sono morte almeno 37 persone, a dozzine i feriti. La lira turca continua infatti a godere di un momentum positivo dato dal miglioramento del sentiment sul mercato.

La lieve discesa della lira della Turchia è per lo più dovuta al fatto che i rischi potenziali di instabilità politica fossero in qualche modo già incorporati sul premio al rischio dei mercati turchi.

Tuttavia, potrebbero non mancare ripercussioni nel medio termine, dato che gli sviluppi geopolitici potrebbero affossare l’industria del turismo già in difficoltà e le previsioni sulla crescita del Paese.

La Finansbank rimane causa su una possibile possibile escalation dei conflitti in cui la Turchia è coinvolta, il che rimane fedele alla view secondo cui il livello attuale dei tassi a breve termine è inadeguato a coprire i rischi.

Iscriviti alla newsletter Analisi dei Mercati

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.