Forex, dollaro USA forte dopo i NFP di maggio. Tutto pronto per il rialzo dei tassi?

Come si muoverà la Federal Reserve nella decisione sul primo rialzo dei tassi di interesse negli Stati Uniti da giugno 2006? Ecco gli effetti dei Non Farm payrolls si maggio sul Dollaro USA e la politica monetaria.

Il dollaro USA è salito a nuovi massimi contro molte delle principali valute nel mercato del forex grazie al report sul lavoro al di sopra delle aspettative.

I Non-Farm payrolls di maggio negli Stati Uniti sono saliti a 280mila unità, il risultato più forte finora nel 2015.

Non solo il risultato del market mover dei Non-Farm payrolls è andato di gran lunga oltre le previsioni, ma anche la retribuzione media oraria è salita dello 0,3% e il tasso di partecipazione ha colpito il 62,9%, il ritmo più forte di crescita per entrambi gli indicatori in 4 mesi.

Gli investitori e gli analisti hanno attribuito l’aumento del tasso di disoccupazione alla maggiore partecipazione al mercato del lavoro.

Con il conseguente rimbalzo del dollaro e il forte aumento dei rendimenti dei titoli di stato degli Stati Uniti, molti forex trader iniziano a vedere il report sui Non-Farm payrolls di maggio come un lascia passare per il rialzo dei tassi di interesse della Federal Reserve, banca centrale degli Stati Uniti.

Addirittura, immediatamente dopo la pubblicazione dei NFP si è parlato di un rialzo nel mese di agosto, luglio o addirittura giugno.

I membri della Federal Reserve hanno suggerito che un aumento di tasso potrebbe essere possibile ad ogni incontro del FOMC, ma poiché questo sarebbe il primo rialzo dei tassi da giugno 2006, la scelta assume tutto un significato storico.

Per assicurasi che i mercati obbligazionari non impazziscano dopo il rialzo, Janet Yellen dovrà cogliere l’occasione per minimizzare la decisione ripetendo che questo non è l’inizio di un ciclo aggressivo.

Una conferenza stampa improvvisata potrebbe essere fissata dopo ogni incontro, ma la crescita dei salari è ancora più debole di quanto necessario per la Fed per soddisfare gli obiettivi.

La versione più probabile è che la Fed attenderà fino a settembre per aumentare i tassi, ma il report dei NFP di venerdì ci assicura che i membri della Fed saranno più propensi a sostenere la linea dura quando si incontreranno nel mese di giugno.

Non c’è dubbio che la Yellen sfrutterà l’occasione della conferenza stampa di questo mese per preparare il mercato ad un aumento dei tassi nel terzo trimestre 2015. Questo significa che al dollaro USA si pone davanti un lungo spazio per poter crescere, soprattutto dopo la riunione di giugno.

In molti comprano dollari contro l’euro su EURUSD a causa della situazione in Grecia. USD/JPY è in ipercomprato, potrebbe esserci la possibilità di acquistare a un livello inferiore.

L’inizio della prossima settimana sarà relativamente tranquillo, così potrebbe verificarsi qualche presa di profitto sul dollaro-yen; il market mover principale per il dollaro USA la settimana prossima sarà il report sulle vendite al dettaglio di giovedì.

Una forte crescita dei posti di lavoro e i prezzi più alti del petrolio dovrebbero aver aumentato la spesa, ma i dati potrebbero non essere all’altezza delle alte aspettative del mercato.

Iscriviti alla newsletter Analisi dei Mercati

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.