Forex, EurUsd: Dollaro sale con testimonianza Yellen. Target resta a quota 1,1432

Il discorso della Yellen al Congresso USA ha ridato forza al Dollaro americano. Tuttavia, la configurazione grafica rimane a rialzo con obiettivo 1,1432$.

Nella seduta di ieri il cambio Euro-Dollaro ha perso quota dopo la testimonianza del presidente della Federal Reserve, Janet Yellen, al Congresso USA. Anche oggi la Yellen testimonierà nuovamente davanti al Congresso americano anche se le indicazioni maggiori sulla politica monetaria statunitense sono emerse nel discorso di ieri.

Il presidente della Fed ha avvertito che esistono rischi per l’economia americana pur tuttavia non escludendo futuri rialzi dei tassi. Questo ha dato modo al Dollaro americano di riprendere terreno contro l’Euro (più in generale verso tutte le monete) dando così modo al cross di consolidare i rialzi dei giorni scorsi.

Oggi il focus degli operatori potrebbe spostarsi nuovamente sull’andamento degli indici borsistici e più in particolare sul petrolio tornato nuovamente su soglie di allerta.

Euro-Dollaro: la Yellen ha ridato energia al Dollaro USA

La seduta di scambio di ieri si è conclusa con una pausa di consolidamento per il cambio Euro-Dollaro dopo che il presidente della Federal Reserve, Janet Yellen, ha rilasciato la sua testimonianza davanti al Congresso USA.

La Yellen nel discorso di ieri ha sottolineato come l’economia americana sia ancora in una fase di crescita moderata, pur avvertendo che esistono dei rischi che possono mettere a repentaglio il percorso di crescita.

Il presidente della Fed ha menzionato l’andamento dell’economia globale e dei Paesi emergenti, nonché del petrolio, come pericoli per la crescita americana. Il numero uno della Federal Reserve ha nuovamente ribadito come l’istituto centrale americano stia monitorando attentamente questi fattori di rischio salvo poi però spiegare che in futuro non sono esclusi nuovi rialzi dei tassi.

Secondo la Yellen infatti, il ritmo del rialzo dei tassi sarà graduale, visto che al momento non esistono ancora particolari motivazioni per fermare tali aggiustamenti o tagliare i tassi di interesse. Il discorso della Yellen ha quindi ridato forza al Dollaro americano che si è rivalutato nei confronti di quasi tutte le monete.

Euro-Dollaro: i market mover di oggi, la Yellen testimonierà nuovamente al Congresso

Oggi non sono previsti particolari market mover, a parte le consuete proiezioni settimanali sulle richieste di sussidi di disoccupazione negli USA. Alle ore 14:30 verranno resi noti i dati sulle richieste di disoccupazione continua (consenso a 2,25 mln) e iniziali (281 mila le previsioni), come riportato sul calendario economico.

Domani invece usciranno market mover di rilevanza più consistente visto che verranno pubblicati i dati su vendite al dettaglio statunitensi e sul PIL dell’Eurozona.

Quest’oggi infine è prevista la riunione dell’Eurogruppo che sarà chiamato a discutere della situazione in Grecia e in Portogallo mentre la Yellen testimonierà nuovamente al Congresso USA.

Nel frattempo, il cross EurUsd scambia in territorio negativo del -0,06% a quota 1,1288. La giornata di oggi potrebbe risultare volatile vista l’assenza di market mover di particolare rilievo che sposterà così il focus degli operatori sull’andamento del petrolio e degli indici azionari.

Il WTI in particolare è tornato su livelli di prezzo preoccupanti, visto che al momento scambia a 27,17$ a barile mentre il Brent e sul livello di 30,74$ a barile. E’ possibile quindi, che l’Euro-Dollaro torni a salire in giornata, allineandosi così all’andamento di questi ultimi giorni.

Euro-Dollaro: analisi tecnica di breve periodo

Anche la configurazione grafica sembra suggerire un rialzo delle quotazioni dell’Euro. La media mobile di breve termine sta andando a incrociare quella di lungo, indicando così rialzi anche in periodi futuri.

Gli indicatori tecnici sono ancora tutti girati a rialzo. Il RSI e il MFI sono quasi in area di ipercomprato mentre l’ADX segnala ancora forza del trend rialzista.

I livelli di resistenza sono stati tutti rotti con successo, il primo obiettivo visibile è quello posto dalla linea blu a quota 1,1432. Tuttavia, prima di procedere verso tale target potrebbe essere necessaria prima una fase di consolidamento che dia la spinta necessaria a centrare l’obiettivo posto dalla resistenza in blu.

Non è da escludere quindi un test del supporto in giallo a quota 1,1211 prima di proseguire la fase a rialzo. Viceversa, una rottura dei massimi del 9 Febbraio a quota 1,1337, potrebbe dare il via al raggiungimento dell’area di 1,14.

Iscriviti alla newsletter Analisi dei Mercati

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.