Forex, EUR/USD: economia dell’Eurozona in ripresa, ma prevalgono i sell

Cambio euro-dollaro in discesa: bene il manifatturiero, ma preoccupa l’inflazione. Oggi i dati sui prezzi al consumo, ecco che effetti avranno e perché i trader li attendono. Analisi tecnica e previsioni per la major EUR/USD

Il cambio euro-dollaro torna a scendere e lo fa in un avvio di settimana segnato dalla grande volatilità che ci si aspettava in una giornata come quella di ieri, in cui le vendite hanno prevalso ancora una volta su EUR/USD nonostante i numerosi indicatori macroeconomici favorevoli.

Gli ultimi market mover hanno evidenziato un’economia in espansione in tutta l’Eurozona, con l’indice PMI manifatturiero positivo sia in Italia che in Germania, Francia, Spagna e Grecia. Nonostante tutto, i forti sell hanno spinto nuovamente euro-dollaro al ribasso, ecco il motivo.

Eurozona: economia in espansione, preoccupa l’inflazione

L’indice PMI manifatturiero è stato positivo in Eurozona e negativo negli Stati Uniti e questo avrebbe potuto generare un’impennata della coppia di valute, ma a scoraggiare gli acquisti sul cambio EUR/USD è stata un’inflazione deludente in Germania, con l’indice dei prezzi al consumo (CPI) inferiore alle attese e addirittura in deflazione su base mensile.
Questo è un motivo di preoccupazione per i trader rialzisti, poiché un’inflazione deludente nell’area euro avvicina la possibilità di nuovi interventi da parte della BCE e quindi l’eventualità di una più massiccia immissione di liquidità nell’economia.

Market mover di oggi, l’inflazione europea domina la scena

Alle 9:55 sarà pubblicata la variazione del numero di disoccupati in Germania, informazione che potrebbe avere un consistente impatto su EUR/USD. Si attende con attenzione ancora maggiore l’indice dei prezzi al consumo (CPI) dell’Eurozona delle ore 11:00, per i motivi appena chiariti. Paradossalmente, maggiore inflazione potrebbe comportare un cambio euro-dollaro più forte e viceversa.

Euro-dollaro, analisi tecnica e previsioni

In queste ore la major EUR/USD è alle prese con il supporto di 1.0812 e sarà molto importante constatarne la tenuta o la rottura, motivo per cui i prossimi market mover avranno una grande valenza. Studiando il grafico con timeframe giornaliero, emerge che questo livello è anche la neckline di un grande pattern testa-spalle, motivo per il quale un movimento ribassista potrebbe generare vendite a pioggia fino ai target di 1.0740 e 1.0657. Un rimbalzo, al contrario, allontanerebbe questa prospettiva in favore di una risalita verso le resistenze di 1.0903 e 1.0986.

Iscriviti alla newsletter Analisi dei Mercati

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.