In Brasile Fiat Chrysler festeggia un traguardo importante. Nello stabilimento in cui vengono prodotti i famosi motori FireFly che sono esportati in tutto il mondo, Europa compresa, nelle scorse ore è stato prodotto il propulsore numero mezzo milione. Il traguardo è stato raggiunto presso il Fiat Automotive Pole, a Betim, nella regione metropolitana di Belo Horizonte.

Fiat Chrysler ha prodotto mezzo milione di motori FireFly nello stabilimento di Betim

Antonio Filosa, amministratore delegato del gruppo Fiat Chrysler Automobiles in America Latina non ha nascosto la sua soddisfazione per il raggiungimento di un simile obiettivo. Il numero uno di FCA in America Latina ha voluto ringraziare tutti coloro i quali hanno reso possibile con il loro duro lavoro questo traguardo.

Con circa 800 dipendenti, su tre turni, la produzione giornaliera raggiunge i 1.300 motori, suddivisi tra il Firefly 1.0 litri, tre cilindri, e il Firefly 1.3 litri, quattro cilindri, entrambi con monoblocco in alluminio. Questi propulsori vengono utilizzati in quasi tutte le auto vendute da Fiat in America Latina, ma anche in vetture estremamente popolari nel nostro continente come ad esempio Fiat Panda, Fiat 500 e Lancia Ypsilon.

Pierluigi Astorino, Direttore della Produzione per l’America Latina di FCA ha messo anche in evidenza come lo stabilimento Fiat Chrysler di Betim sia uno dei siti produttivi più moderni e tecnologici del gruppo italo americano al mondo.

Se è stato possibile nel giro di pochi anni produrre ben mezzo milione di motori FireFly ciò è avvenuto anche grazie all’utilizzo di un processo di produzione estremamente avanzato e tecnologico che ha permesso a Fiat Chrysler di poter velocizzare la realizzazione di questi propulsori che si caratterizzano per essere efficienti e economici.