Acconto cedolare secca 2014: guida al calcolo e al versamento

Dovete versare l’acconto per la cedolare secca entro il 1 dicembre? Ecco la guida al pagamento e tutte le istruzioni.

Tra gli acconti fiscali in scadenza il 1 dicembre c’è anche quello della cedolare secca ed anche in questo caso il contribuente dovrà versare la seconda rata, il 60% dell’acconto complessivo, o l’importo totale in un’unica soluzione.

In seguito agli ultimi interventi normativi, la cedolare secca, imposta sostitutiva dell’IRPEF e delle relative addizionali sui canoni di affitto, che sostituisce anche l’imposta di registro e l’imposta di bollo sui contratti di locazione, è diventata più conveniente.

Nei contratti a canone concordato è passata dal 15% al 10%, mentre per le altre tipologie di contratto resta al 21%. Un altro vantaggio è la diminuzione della percentuale di abbattimento dei canoni ai fini IRPEF dal 15% al 5%.

L’acconto del 1 dicembre non interesserà i contribuenti che hanno stipulato per la prima volta il canone di affitto con cedolare secca nel 2014, perché manca la base imponibile di riferimento.

Come si calcola?

Se si tratta di un contratto a canone concordato per cui si era già fatto ricorso alla cedolare secca negli anni precedenti, si potrà versare l’acconto 2014 considerando l’aliquota del 10%. Tuttavia, con il metodo previsionale è opportuno partire da una base che non è il canone contrattuale del 2013, bensì quello stabilito per il 2014. La misura dovuta per l’acconto è pari al 95% del tributo dovuto per l’anno precedente.

L’acconto deve essere versato solo se l’importo della cedolare secca dovuta per l’anno precedente è superiore a 51,65 euro. In tal caso bisogna procedere:

  • con un’unica soluzione entro il 1 dicembre (il 30 novembre cade di domenica) se il 95% del rigo RB11 colonna 2 del modello Unico PF o rigo 81 del Modello 730 è inferiore a 257,52 euro;
  • con due rate se l’importo risulti invece pari o superiore a 257,52 euro:
    - la prima, del 40% (del 95%), entro il 16 giugno;
    - la seconda, del restante 60% (del 95%), entro il 1 dicembre.

Il pagamento deve essere effettuato tramite il Modello F24 usando i seguenti codici tributo:

  • 1840- Cedolare secca locazioni - Acconto prima rata;
  • 1841 - Cedolare secca locazioni - Acconto seconda rata o unica soluzione;
  • 1842 - Cedolare secca locazioni - Saldo.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO