Area Valutaria Ottimale (AVO)

In economia internazionale un’area valutaria ottimale (AVO, o area monetaria ottimale, AMO - in inglese Optimum Currency Area o optimum currency region, OCA o OCR) è un gruppo di paesi per i quali, vista la stretta integrazione per quel che riguarda gli scambi internazionali e la facilità nel movimento dei fattori produttivi, conviene creare un’area di cambi fissi o un’unione monetaria.
La teoria della aree valutarie ottimali è stata inaugurata da Robert Mundell nel 1961 con un articolo che si inseriva nel dibattito sui vantaggi e svantaggi dei regimi dei cambi fissi o flessibili.

Area Valutaria Ottimale (AVO), ultimi articoli su Money.it

Money.it

Euro ed Italia: storia di un grande errore?

Pubblicato il 31 ottobre 2015 alle 08:02

Dall’ingresso nella moneta unica l’Italia sembra che non ne abbia ricevuto grossi benefici. L’Euro è sostenibile per l’Italia? E ,più in generale, l’Eurozona può continuare ad esistere?

Money.it

Qual è il vantaggio dell’Unione Monetaria Europea?

Pubblicato il 20 gennaio 2014 alle 18:49

Cosa caratterizza l’Unione Monetaria Europea? I deficit commerciali tra paesi appartenenti ad un’area monetaria integrata sono diversi da quelli tra paesi con diverse valute?

Money.it

L’Eurozona è un’area valutaria ottimale? Una critica alla teoria delle AVO

Pubblicato il 12 novembre 2013 alle 17:42

L’Eurozona è un’area valutaria ottimale? Secondo noi prima di rispondere a questa domanda occorre prima di tutto stabilire se la teoria delle AVO è solida a sufficienza. Poichè così non sembra essere, il criterio delle AVO sarebbe allora interamente da abbandonare.