Wall Street da record storico: c’è l’accordo USA-Messico

Wall Street tocca nuovi record grazie all’accordo commerciale tra gli USA di Trump e il Messico di Nieto. Il NAFTA non esiste più e il mercato festeggia.

Wall Street da record storico: c'è l'accordo USA-Messico

Wall Street ha toccato nuovi record storici dopo la stipula dell’accordo commerciale tra USA e Messico che sta per scrivere la parola fine sul tanto discusso NAFTA.

La convergenza trovata da Donald Trump e da Enrique Pena-Nieto ha permesso di diradare i dubbi e le incertezze che a lungo hanno pesato sul sentiment degli investitori.

Il nuovo accordo commerciale USA-Messico, che sta per mandare in pensione l’ormai obsoleto NAFTA, ha infatti avuto un impatto evidente su Wall Street, che dal canto suo ha archiviato la prima sessione della settimana non soltanto in deciso rialzo, ma soprattutto al di sopra dei propri record storici.

(Il tweet di Trump sull’accordo in dirittura d’arrivo)

Accordo commerciale USA-Messico: la reazione di Wall Street

Ad archiviare gli scambi con il rialzo più evidente è stato il Dow Jones, che ha chiuso la prima sessione della settimana con una progressione dell’1,01% su quota 26.049,64 punti (l’ultima volta che l’indice è riuscito a fermarsi sopra i 26.000 risale al 1° febbraio scorso).

L’S&P 500 non è stato certo da meno e grazie all’accordo commerciale USA-Messico ha chiuso ieri con un rialzo dello 0,77% su quota 2.896,74, un nuovo record storico per l’indice di Wall Street trainato soprattutto dal comparto finanziario.

Ottime, infine, anche le performance del Nasdaq (+0,91% a 8.017,90). In questo caso a beneficiare dell’intesa fra Trump e Nieto sono stati giganti tech quali Amazon, Facebook, Netflix e Alphabet.

“Ultimamente il mercato ha dovuto fronteggiare numerosi venti contrari, il più grande dei quali è stato il commercio”,

ha affermato Art Hogan, chief market strategist di B. Riley FBR che ha poi aggiunto:

“Togliendo dal quadro l’elemento commerciale avremmo un andamento più regolare del mercato.”

È proprio qui che va ricercata la spiegazione alla corsa di Wall Street dopo l’intesa. L’addio al criticato (da Trump) NAFTA ha permesso a USA e Messico di trovare un nuovo punto d’incontro e la minor tensione commerciale ha lasciato tirare un sospiro di sollievo agli investitori. Da qui i nuovi record storici degli indici americani.

NAFTA addio: quale destino commerciale per il Canada?

Tra i primi a commentare l’intesa sicuramente Donald Trump, che ha parlato di un NAFTA (accordo commerciale tra USA, Canada e Messico) ormai in pensione. Ottawa, infatti, non ha preso parte ai nuovi negoziati commerciali anche se Nieto ha già dichiarato di volerla presto includere tramite trattative imminenti.

“Con il Canada potremmo anche siglare un accordo separato”,

ha invece commentato Trump, intenzionato a modificare il nome NAFTA, in quanto a sua detta simbolo di un trattato iniquo e svantaggioso per gli Stati Uniti.

Il premier canadese Trudeau, intatto, si è già detto desideroso di osservare un risultato positivo dai negoziati, obiettivo non semplice date le tensioni sorte dopo l’imposizione dei dazi da parte di Trump.

Stando a quanto emerso fino ad ora, l’accordo commerciale USA-Messico che ha spinto Wall Street oltre i propri massimi storici, dovrebbe avere una durata di 16 anni ed eviterà la tassazione dei beni prodotti nei due Paesi al 75%. Il mercato, almeno per il momento, ha reagito più che positivamente all’intesa che, come sottolineato, ha diradato gran parte delle incertezze commerciali che hanno fino ad ora dominato i rapporti tra Messico e Stati Uniti.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su NAFTA

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.