Risparmiometro, pronta la Super Anagrafe Tributaria. Nuovi controlli sui conti in arrivo

Risparmiometro, parte la Super Anagrafe Tributaria che consentirà all’Agenzia delle Entrate di effettuare controlli sui conti in banca per scovare presunti casi di evasione fiscale.

Risparmiometro, pronta la Super Anagrafe Tributaria. Nuovi controlli sui conti in arrivo

Il risparmiometro è pronto al via, dopo l’ok del Garante della Privacy, del MEF e delle banche alla nuova Super Anagrafe Tributaria.

Manca solo il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate, ma per il resto è in fase di avvio la nuova fase di controlli sui conti in banca degli italiani che punta a scovare casi di evasione fiscale.

Dopo redditometro, riccometro e spesometro l’Agenzia delle Entrate ha in serbo una nuova arma d’accertamento nei confronti dei contribuenti italiani.

Ad introdurre il risparmiometro era stato Monti con il decreto Salva Italia del 2012 e, dopo un periodo di stallo, manca davvero poco. Il nuovo strumento di accertamento sarà basato su un algoritmo in grado di scovare incongruenze tra reddito dichiarato e risparmi. In che modo?

La procedura sarà abbastanza semplice: l’Agenzia delle Entrate incrocerà i dati di dichiarazioni dei redditi e movimenti effettuati sul conto in banca ed in caso di incongruenze scatteranno i controlli del Fisco.

Questa volta l’Agenzia delle Entrate andrà a guardare, è il caso di dirlo, direttamente nel portafogli degli italiani e nel mirino dei Funzionari delle Entrate sarà chi spende troppo ... poco. Si preannunciano tempi bui per i risparmiatori.

Risparmiometro, al via la Super Anagrafe Tributaria. Nuovi controlli sui conti in arrivo

Nell’eterna lotta tra la formica e la cicala vince sempre lei, l’Agenzia delle Entrate, ricca di stratagemmi per controllare spese e risparmi degli italiani.

Il risparmiometro è l’ultimo di questi e per spiegare come funziona il nuovo algoritmo che verrà presto avviato in via sperimentale si potrebbe prendere come riferimento lo strumento speculare, il redditometro.

Il meccanismo alla base del redditometro è quello di stimare le spese medie di ogni contribuente, confrontarle con il reddito dichiarato e capire se vi sono incongruenze, ovvero se le spese effettuate superano i redditi conseguiti. Nel caso di incongruenze superiori al 20%, ovvero qualora in base ai dati a disposizione dell’Agenzia delle Entrate il contribuente dovesse aver speso più di quanto guadagnato scatterebbe la procedura d’accertamento.

Il funzionamento del risparmiometro sarà pressoché lo stesso, ma al contrario: se un contribuente dichiara un certo reddito annuo ma risulta esser titolare di risparmi in banca ritenuti sospetti e superiori alle proprie possibilità l’Agenzia delle Entrate andrà a chiedere quali fonti di reddito sono state utilizzate per sostenere le spese ordinarie.

In parole povere, il Fisco inizierà a chiedere a chi troppo risparmia, ma ad esempio è titolare soltanto di un reddito da lavoro dipendente, da dove sono stati presi i soldi per pagare cibo, abbigliamento e quell’insieme di spese ordinarie e straordinarie che rendono difficile, per molti italiani, arrivare alla fine del mese.

I conti controllati dall’Agenzia delle Entrate con il risparmiometro

Il risparmiometro incrocerà i dati delle dichiarazioni dei redditi con le somme depositate sulla totalità degli strumenti di risparmio dei quali il contribuente risulterà titolare, come conti correnti, conti deposito ed obbligazioni, buoni fruttiferi e carte di credito, nonché prodotti finanziari emessi da assicurazioni e società che si occupano di compravendita di metalli preziosi.

Nel caso di pochi movimenti bancari o di prelievi di somme di piccola entità gli “007 del Fisco” inizieranno ad indagare su quali sono le fonti di reddito non dichiarate con le quali il contribuente vive e può permettersi di risparmiare, un lusso che l’italiano medio di oggi fatica a concedersi.

Nello sfortunato caso in cui si dovesse finire sotto la lente del Fisco, il contribuente potrà difendersi in contraddittorio e portare all’Agenzia delle Entrate le prove sulla fonte dei propri risparmi o su quali sono i soldi utilizzati per pagare le proprie spese quotidiane.

Senza prove scatta la tassa sul risparmio

Cosa succederà se non si avranno a disposizione le prove documentali richieste dall’Agenzia delle Entrate?

In mancanza di prove sarà applicata la tassa sul risparmio, non su tutta la somma depositata in banca ma soltanto su quella parte che, secondo i controlli effettuati dall’Agenzia delle Entrate, verrà ritenuta eccessiva rispetto ai redditi dichiarati.

Una guerra al risparmio oppure uno strumento utile per scovare i casi di evasione fiscale? Al netto delle diverse posizioni l’unica certezza è che il risparmiometro è pronto a tutti gli effetti ad entrare nella cerchia dei controlli fiscali più odiati e temuti dagli italiani.

Iscriviti alla newsletter "Fisco" per ricevere le news su Riccometro

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.