Marcia di Forza Nuova su Roma: c’è l’ora e il luogo, ma l’autorizzazione è arrivata?

icon calendar icon person
Marcia di Forza Nuova su Roma: c'è l'ora e il luogo, ma l'autorizzazione è arrivata?

Con un post su Facebook vengono date tutte le indicazioni per la manifestazione di Forza Nuova a Roma del 28 ottobre, resta da capire ora se c’è l’ok di Questura e Viminale.

La marcia su Roma di Forza Nuova si dovrebbe fare, visto che il movimento politico di estrema destra sul suo profilo Facebook ha comunicato l’ora e il luogo da dove dovrebbe partire il corteo.

La data invece era nota già da tempo, ovvero quel 28 ottobre che è lo stesso giorno dell’altra marcia su Roma del 1922 che di fatto dette vita a quello che poi sarebbe stato il ventennio fascista in Italia.

Viste le tante polemiche che si erano sollevate quando Forza Nuova rese nota la manifestazione, Anpi e mondo politico di sinistra in testa, dopo il no della sindaca Virginia Raggi al corteo sembrava che tutto dovesse essere cestinato.

Invece ecco che Forza Nuova ha appena rilasciato i dettagli riguardanti il 28 ottobre, anche se il ministro Marco Minniti ha subito precisato di non aver concesso nessuna autorizzazione per la manifestazione.

La manifestazione di Forza Nuova del 28 ottobre

“Tutto per la Patria” è il nome della manifestazione programmata a Roma per sabato 28 ottobre da Forza Nuova, momento questo dove il movimento politico di estrema destra vuole protestare contro lo ius soli e le violenze commesse dagli immigrati.

La data che però andrebbe a coincidere con la marcia su Roma del 1922 aveva fatto sobbalzare gran parte del mondo politico italiano, che con la Raggi in testa si era detto contrario alla manifestazione.

A poco più di due settimane dalla data però ecco che Forza Nuova sulla propria pagina Facebook rende noto che la manifestazione si farà, dando delucidazioni anche sull’ora e il luogo scelto.

Da quello che si legge si invitano i manifestanti a iniziare la concentrazione verso le ore 15:00 presso il piazzale Pier Luigi Nervi, quello del Palalottomatica all’Eur, con il corteo che poi dovrebbe partire alle ore 16:00.

Sempre nello stesso post poi Forza Nuova rimanda ai prossimi giorni per gli ulteriori dettagli, facendo intendere che non ci dovrebbero essere ostacoli per il regolare svolgimento della manifestazione del 28 ottobre.

Il mistero dell’autorizzazione

Quando venne fuori la notizia della manifestazione organizzata da Forza Nuova, la sindaca Virginia Raggi subito scrisse su Twitter nel merito che una “marcia su Roma non può e non deve ripetersi”.

Fortemente contrari tutti i partiti di centrosinistra, ultimamente impegnati anche nella legge che inasprisce le pene verso la propaganda fascista, con anche l’Anpi che nelle ultime ore è tornata a palesare tutti i suoi timori.

Avere convocato la manifestazione senza autorizzazione dalla questura diventa un atto eversivo, una sfida di fronte alla quale lo Stato deve fare la sua parte, impedendo la marcia. Diversamente, lo Stato metterebbe i cittadini nella condizione di doverci pensare loro: cosa che non è auspicabile.

Oltre a paventare nello stesso giorno una possibile contro manifestazione che potrebbe creare più di una tensione, l’Anpi parla anche di una mancanza di autorizzazione da parte di Forza Nuova.

In effetti sia il ministro dell’Interno Marco Minniti che la Questura avevano dichiarato che sul loro tavolo non era giunta, da parte del movimento di destra, nessuna richiesta per una manifestazione a Roma il 28 ottobre.

Come la notizia del post di Forza Nuova è iniziata a circolare, il titolare del Viminale Marco Minniti subito ha precisato come avrebbe “già dato disposizione al questore di Roma di non concedere l’autorizzazione per la manifestazione”.

Per Roberto Fiore invece, leader del partito di destra, il corteo ci sarà visto che una regolare autorizzazione conforme a tutte le indicazioni è stata trasmessa, con la decisione finale che secondo lui spetterebbe alla Questura.

Naturalmente presto si saprà se la manifestazione si terrà o meno, con la questione che potrebbe diventare molto più delicata e complessa se anche gli anti fascisti decidessero di scendere in piazza pure loro il 28 ottobre.

Segui Money.it su Facebook

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Roma

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Chiudi [X]