Concorso MEF, bandi per assumere 400 funzionari: requisiti, domanda e prove

Concorso MEF: tutti i bandi per assumere 400 funzionari sono stati pubblicati in GU: ecco come presentare domanda, requisiti e prove da sostenere.

Concorso MEF, bandi per assumere 400 funzionari: requisiti, domanda e prove

Concorso MEF: bandi per l’assunzione di 400 funzionari pubblicati in Gazzetta Ufficiale.

Con un comunicato stampa dell’11 aprile 2018 il Ministero ha annunciato che in merito ai primi tre bandi pubblicati il 27 marzo per l’assunzione di 230 funzionari si è dovuto procedere ad una rettifica a causa di un errore.

L’errore riguarda l’omessa indicazione tra i titoli di studio richiesti ai fini dell’ammissione al concorso, della laurea triennale “Scienze dell’economia e della gestione aziendale (L-18)”.

Accanto all’integrazione dei requisiti è stata disposta la riapertura dei termini di presentazione delle domande di partecipazione ai concorsi per l’assunzione al MEF. Conseguentemente la nuova scadenza per presentare la domanda è fissata al 10 maggio 2018 (precedentemente era il 26 aprile).

Il MEF nel suo comunicato ha specificato che sono comunque valide le domande già pervenute.

Per ciò che concerne gli ultimi tre bandi pubblicati dal MEF nella GU del 6 aprile 2018 invece le domande potranno essere presentate a partire dal 7 aprile 2018 fino al 7 maggio 2018.

Tutti i bandi di concorso possono essere consultati accedendo al sito appositamente pubblicato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, con il dettaglio di modalità di iscrizione on-line ai corsi gestiti dal MEF, procedura di compilazione della domanda e requisiti previsti.

Di seguito una guida utile per capire chi potrà concorrere all’assunzione al MEF e quali sono le indicazioni contenute nei bandi di concorso per i 400 funzionari e quali sono le prove previste.

Concorso MEF, bando per l’assunzione di collaboratori amministrativi

Il primo bando di concorso pubblicato dal MEF riguarda l’assunzione di 80 collaboratori amministrativi con orientamento statistico ed economico quantitativo.
Per poter partecipare al concorso del MEF sarà necessario essere in possesso di laurea triennale o magistrale.

Nel dettaglio, potranno partecipare al concorso i candidati in possesso di laurea triennale in:

  • Ingegneria dell’informazione (L-08);
  • Ingegneria industriale (L-09);
  • Scienze dell’economia e della gestione aziendale (L-18)
  • Scienze e tecnologie informatiche(L-31);
  • Scienze economiche (L-33);
  • Scienze matematiche (L-35);
  • Statistica (L-41).

Sarà possibile partecipare al concorso per l’assunzione come funzionario al MEF anche qualora in possesso delle seguenti tipologie di laurea magistrale:

  • Informatica (LM-18);
  • Ingegneria gestionale (LM-31);
  • Ingegneria informatica (LM-32);
  • Matematica (LM-40);
  • Sicurezza informatica (LM-66);
  • Scienze dell’economia (LM–56);
  • Finanza (LM-16);
  • Scienze economiche-aziendali (LM-77);
  • Scienze statistiche (LM-82);
  • Scienze statistiche, attuariali e finanziarie (LM-83);
  • altra laurea specialistica (LS) o magistrale (LM) secondo l’equiparazione stabilita dal decreto interministeriale del 9 luglio 2009;
  • “diplomi di laurea” (DL), equiparati alle suindicate lauree magistrali (LM).

Il 20% dei posti messi a concorso è riservato al personale appartenente al ruolo unico del Ministero dell’economia e delle finanze.

Ecco il bando pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 27 marzo 2018:

Bando concorso MEF collaboratori amministrativi con orientamento statistico ed economico quantitativo
Ecco il bando per il concorso pubblicato in Gazzetta Ufficiale per i collaboratori amministrativi con orientamento statistico ed economico quantitativo

Bando per collaboratori amministrativi con orientamento economico aziendale e contabile

Il secondo bando del MEF riguarda il concorso per l’assunzione di 90 collaboratori amministrativi con orientamento economico aziendale e contabile. Per poter accedere al concorso i candidati dovranno possedere una laurea triennale o magistrale.

In particolare potranno presentare domanda per l’iscrizione al concorso coloro che posseggono una laurea triennale in:

  • Scienze dell’amministrazione e dell’organizzazione (L-16);
  • Scienze dell’economia e della gestione aziendale (L-18)
  • Scienze economiche (L-33).

Potranno partecipare al concorso indetto dal MEF anche i candidati che sono in possesso di una laurea magistrale in:

  • Ingegneria gestionale (LM-31);
  • Scienze dell’economia (LM-56);
  • Finanza (LM-16);
  • Scienze delle Pubbliche Amministrazioni (LM-36);
  • Scienze economiche-aziendali (LM-77).
  • Il 20% dei posti messi a concorso è riservato al personale appartenente al ruolo unico del Ministero dell’economia e delle finanze.

Ecco il bando con tutti i dettagli:

Bando concorso collaboratori amministrativi con orientamento economico, aziendale e contabile
Ecco il bando per il concorso per i collaboratori amministrativi con orientamento economico, aziendale e contabile pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Assunzione di collaboratori amministrativi con orientamento economico-finanziario

Sono previsti, inoltre, 60 posti di collaboratore amministrativo con orientamento economico-finanziario.

Anche in questo caso potranno presentare la propria iscrizione al concorso del MEF i candidati in possesso di una laurea triennale o magistrale.

In particolare potrà candidarsi al concorso chi possiede una laurea triennale in:

  • Scienze dell’amministrazione e dell’organizzazione (L-16);
  • Scienze dell’economia e della gestione aziendale (L-18)
  • Scienze economiche (L-33);
  • Scienze matematiche (L-35);
  • Scienze politiche e delle relazioni internazionali (L-36);
  • Statistica (L-41).

Potranno inoltre presentare domanda tutti coloro che possiedono una laurea magistrale in:

  • Scienze dell’economia (LM-56);
  • Finanza (LM-16);
  • Scienze delle Pubbliche Amministrazioni (LM-63);
  • Relazioni internazionali (LM-52);
  • Scienza della politica (LM-62);
  • Scienze economiche-aziendali (LM-77);
  • Scienze statistiche (LM-82);
  • Scienze statistiche, attuariali e finanziarie (LM-83);
  • Studi europei (LM-90).

Potranno infine partecipare al concorso anche colore che possiedono diplomi di laurea (DL), equiparati alle suindicate classi di lauree.

Anche in questo caso il 20% dei posti messi a concorso è riservato al personale appartenente al ruolo unico del Ministero dell’economia e delle finanze.

Si allega di seguito il bando per il concorso per i collaboratori amministrativi con orientamento economico-finanziario pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

Bando concorso collaboratori amministrativi con orientamento economico-finanziario
Ecco il bando per il concorso per i collaboratori amministrativi con orientamento economico-finanziario pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Collaboratori amministrativi con orientamento giuridico-finanziario

Come sappiamo dopo la pubblicazione dei primi tre bandi pubblicati dal MEF ne sono stati pubblicati altri tre che consentono a 170 laureati in materie giuridiche, tributarie e finanziarie.

Il primo di questi riguarda il concorso per l’assunzione di 50 collaboratori amministrativo con orientamento giuridico-finanziario. Per poter accedere al concorso i candidati dovranno possedere una laurea triennale o magistrale.

In particolare potranno presentare domanda per l’iscrizione al concorso coloro che posseggono una laurea triennale in:

  • Scienze dei servizi giuridici (L-14);
  • Scienze dell’amministrazione e dell’organizzazione (L-16);
  • Scienze politiche e delle relazioni internazionali (L-36).

Potranno partecipare al concorso indetto dal MEF anche i candidati che sono in possesso di una laurea magistrale in:

  • Giurisprudenza (LMG-01);
  • Scienze delle Pubbliche Amministrazioni (LM-63);
  • Relazioni internazionali (LM52);
  • Scienza della politica (LM-62); Studi europei (LM-90);
  • altra laurea specialistica (LS) o magistrale (LM) secondo l’equiparazione stabilita dal decreto interministeriale del 9 luglio 2009.

Il 20% dei posti messi a concorso è riservato al personale appartenente al ruolo unico del Ministero dell’economia e delle finanze.

Collaboratori amministrativi con orientamento giuridico-tributario

Il quinto bando del MEF riguarda l’assunzione di 40 collaboratori amministrativo con orientamento giuridico-tributario.

Nel dettaglio, potranno partecipare al concorso i candidati in possesso di laurea triennale in:

  • Scienze dei servizi giuridici (L-14);
  • Scienze dell’Amministrazione e dell’Organizzazione (L-16):
  • Scienze dell’Economia e della Gestione Aziendale (L-18);
  • Scienze economiche (L-33);

Potranno partecipare al concorso indetto dal MEF anche i candidati che sono in possesso di una laurea magistrale in:

  • Giurisprudenza (LMG-01);
  • Scienze dell’economia (LM–56);
  • Finanza (LM-16);
  • Scienze delle Pubbliche Amministrazioni (LM-63);
  • Scienze economiche-aziendali (LM-77);
  • Studi europei (LM-90);
  • altra laurea specialistica (LS) o magistrale (LM) secondo l’equiparazione stabilita dal decreto interministeriale del 9 luglio 2009;
  • “diplomi di laurea” (DL), equiparati alle suindicate classi di lauree magistrali (LM).

Il 20% dei posti messi a concorso è riservato al personale appartenente al ruolo unico del Ministero dell’economia e delle finanze.

Collaboratori amministrativi con orientamento giuridico nell’ambito dei servizi amministrativi trasversali

Il MEF ha pubblicato infine il bando che riguarda l’assunzione di 80 collaboratori amministrativi con orientamento giuridico nell’ambito dei servizi amministrativi trasversali.

In particolare potrà candidarsi al concorso chi possiede una laurea triennale in:

  • Scienze dei servizi giuridici (L-14);
  • Scienze dell’amministrazione e dell’organizzazione (L-16);
  • Scienze dell’Economia e della Gestione Aziendale (L-18);
  • Scienze economiche (L-33);
  • Scienze politiche e delle relazioni internazionali (L-36).

Potranno partecipare al concorso indetto dal MEF anche i candidati che sono in possesso di una laurea magistrale in:

  • Giurisprudenza (LMG-01);
  • Ingegneria gestionale (LM-31);
  • Scienze delle Pubbliche Amministrazioni (LM63);
  • Relazioni internazionali (LM-52);
  • Scienze dell’economia (LM–56);
  • Scienza della politica (LM-62);
  • Scienze economiche-aziendali (LM-77);
  • Studi europei (LM-90);
  • altra laurea specialistica (LS) o magistrale (LM) secondo l’equiparazione stabilita dal decreto interministeriale del 9 luglio 2009;
  • “diplomi di laurea” (DL), equiparati alle suindicate classi di lauree magistrali (LM).

Anche in questo caso il 20% dei posti messi a concorso è riservato al personale appartenente al ruolo unico del Ministero dell’economia e delle finanze.

I requisiti per accedere ai concorsi

I requisiti generali per accedere ai concorsi sono uguali per tutti e sei i bandi.

In particolare per essere ammessi ai concorsi bisogna soddisfare i seguenti requisiti:

  • cittadinanza di uno degli Stati membri dell’Unione europea;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • possesso di uno dei titoli di studio sopra elencati a seconda del posto che si vuole ricoprire;
  • idoneità fisica all’impiego.

Non sono ammessi invece a partecipare ai concorsi coloro che:

  • siano stati esclusi dall’elettorato politico attivo;
  • siano stati interdetti dai pubblici uffici;
  • siano stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione, per persistente insufficiente rendimento;
  • siano stati licenziati da altro impiego statale ai sensi della vigente normativa contrattuale, per aver conseguito l’impiego a seguito della presentazione di documenti falsi e, comunque, con mezzi fraudolenti;
  • siano in possesso di precedenti penali incompatibili con l’esercizio delle funzioni da svolgere nell’ambito dei compiti istituzionali del Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Vediamo di seguito quali sono le prove d’esame da sostenere e come prepararsi al concorso.

Le prove d’esame

Le prove per i concorsi consisteranno in due prove scritte e una orale.

Nel caso in cui il numero delle domande risulti pari o superiore a sei volte il numero dei posti messi a concorso, l’amministrazione effettuerà una prova preselettiva per determinare l’ammissione dei candidati alle successive prove scritte.

La prova preselettiva consisterà in un test a risposta multipla su abilità di logica e conoscenze di inglese, economia ed organizzazione aziendale; contabilità di Stato e degli enti pubblici; ragioneria generale ed applicata; diritto societario; elementi di diritto amministrativo e dell’UE.

Con avviso, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana - 4ª Serie speciale “Concorsi ed esami”, del 5 giugno 2018 sarà reso noto il giorno, l’ora e la sede di svolgimento dell’eventuale prova preselettiva,

Scadenza e modalità d’invio delle domande

Le iscrizioni ai concorsi si effettuano esclusivamente mediante piattaforma online, all’indirizzo https://www.concorsionline.mef.gov.it ed è possibile identificarsi attraverso SPID (sistema pubblico identità digitale).

Tali iscrizioni saranno possibili a partire dal 28 marzo 2018 ed entro il 10 maggio 2018.

Per ciò che concerne invece gli ultimi tre bandi pubblicati dal MEF le domande potranno essere presentate, sempre mediante la piattaforma online, a partire dal 7 aprile 2018 fino al 7 maggio 2018.

Nella domanda il candidato dovrà inserire le seguenti indicazioni:

  • cognome e nome, luogo, data di nascita e codice fiscale;
  • di essere cittadino di uno degli Stati membri dell’Unione europea;
  • il luogo di residenza (indirizzo, comune, provincia e codice di avviamento postale);
  • il titolo di studio posseduto tra quelli previsti per l’ammissione al concorso;
  • l’idoneità fisica all’impiego;
  • le eventuali condanne penali riportate o sentenze di applicazione della pena su richiesta, in Italia o all’estero ovvero i procedimenti penali pendenti; tale dichiarazione deve essere resa anche se negativa;
  • il possesso di eventuali titoli di preferenza;
  • l’eventuale appartenenza alle categorie riservatarie;
  • di essere/non essere dipendente di ruolo del Ministero dell’economia e delle finanze;
  • di essere a conoscenza che dovrà permanere nella sede di prima destinazione per un periodo inderogabilmente non inferiore a cinque anni;
  • di esprimere il consenso al trattamento dei dati personali.

Domanda di accesso ai concorsi per i disabili

Per partecipare ai concorsi indetti dal MEF i disabili dovranno fare esplicita richiesta, nella domanda, dell’ausilio o di tempi aggiuntivi eventualmente necessari per lo svolgimento delle prove in relazione al proprio handicap.

I disabili dovranno inoltre trasmettere l’idonea certificazione medica rilasciata dal sistema sanitario nazionale o regionale, che specifichi gli elementi essenziali dell’handicap, non oltre trenta giorni successivi al termine di scadenza, tramite:

  • raccomandata postale con avviso di ricevimento, da indirizzare al Ministero dell’economia e delle finanze, Dipartimento dell’amministrazione generale, del personale e dei servizi, Direzione del personale, Ufficio III, via XX Settembre 97, 00187 Roma;
  • posta elettronica certificata all’indirizzo [email protected]

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Concorsi pubblici

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Guendalina Grossi -

Maxi concorso Agenzia delle Entrate per l’assunzione di 650 funzionari

Maxi concorso Agenzia delle Entrate per l'assunzione di 650 funzionari

Commenta

Condividi

Simone Micocci

Simone Micocci

1 settimana fa

Concorso scuola per supplenti con 3 anni di servizio: requisiti, prove e FIT agevolato

Concorso scuola per supplenti con 3 anni di servizio: requisiti, prove e FIT agevolato

Commenta

Condividi

Simone Micocci

Simone Micocci

2 settimane fa

Concorso Scuola 2018 per non abilitati: date, prove e novità

Concorso Scuola 2018 per non abilitati: date, prove e novità

Commenta

Condividi