Ue su Italia: i mercati la rimetteranno in riga

Per l’Unione europea, se l’Italia non rispetterà i vincoli esistenti sui conti pubblici sarà punita prima dai mercati e soltanto in seguito dalla Commissione.

Ue su Italia: i mercati la rimetteranno in riga

Secondo l’Unione europea, se l’Italia oserà sfidare i vincoli oggi esistenti sui conti pubblici sarà severamente punita non da Bruxelles, ma dai mercati finanziari.

È questo il contenuto sintetizzato di alcune forti dichiarazioni rilasciate da una fonte europea non identificata a La Stampa.
Un vero e proprio avvertimento quello della Ue, che ha ricordato all’Italia come i veri problemi del Belpaese non risiedano nei corridoi dell’unione, ma siano da ricercare all’interno dei confini nazionali.

Il riferimento è alle recenti dichiarazioni del Ministro dell’Interno Matteo Salvini, che si è detto pronto a sfondare la soglia del 3% nel rapporto deficit/Pil.

“Prima ancora di un’eventuale procedura da parte della Commissione per la violazione delle regole del Patto di Stabilità, ci penserebbero i mercati a rimettere l’Italia nei binari”.

Parole forti, che hanno lasciato ancora una volta l’amaro in bocca. Eppure, ha ricordato la fonte, nessuno all’interno della Ue sta minacciando l’Italia. Queste dichiarazioni dovrebbero essere considerate:

“soltanto la constatazione di quello che potrebbe succedere nei prossimi mesi se il governo decidesse di tirare troppo la corda”.

Ue-Italia: la tensione si concentra sul deficit/Pil

Come già accennato, le dichiarazioni della Ue sull’Italia hanno trovato ragion d’essere nelle recenti affermazioni di Matteo Salvini, pronto a sua detta a sfondare il tetto del 3% nel rapporto deficit/Pil.

Tra qualche mese, più precisamente ad ottobre, il progetto di legge di bilancio del governo verrà sottoposto allo scrupoloso esame europeo ma, avvertimento a parte, la fiducia della Ue sembra essere riposta tutta in Giovanni Tria che ha già confermato la sua intenzione di ridurre il debito limitando il deficit, in controtendenza rispetto a quanto affermato invece da Salvini.

Anche in questo caso bisognerà capire come si evolverà e dove condurrà questa distanza tra posizioni dominanti all’interno del Governo. Quel che è certo, ad oggi, è che ogni singola mossa dell’Italia (soprattutto sul fronte dei conti pubblici) sarà minuziosamente studiata dalla Ue.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Italia

Argomenti:

Europa (UE) Italia

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.