Poste Italiane down: SPID non funziona oggi 3 novembre, cosa succede?

Poste Italiane non funziona oggi 3 novembre 2020: down e malfunzionamenti per SPID e app ufficiali, impossibilità ad accedere e rallentamenti. Ecco cosa sta succedendo.

Poste Italiane down: SPID non funziona oggi 3 novembre, cosa succede?

Problemi a Poste Italiane oggi 3 novembre 2020: l’app e lo SPID non funzionano. Tante le problematiche segnalate dagli utenti che in queste ore non riescono ad accedere tramite il portale principale ma anche attraverso il prezioso strumento di identificazione digitale dell’operatore statale.

I disservizi sono molteplici e sono apparsi in tarda mattinata, con molta probabilità legati anche all’accesso per il Bonus Mobilità: in tanti lamentano l’impossibilità di utilizzare i servizi online di Poste Italiane e segnalano diversi errori nel tentativo di effettuare operazioni. Cosa sta succedendo?

Il down di Poste Italiane sembra coinvolgere in modo altalenante il sito principale, che risulta rallentato rispetto al normale, le app dedicate a Postepay e Postepay Evolution, Bancoposta e Poste ID.

Poste Italiane, SPID a App non funzionano: problemi e disservizi oggi 3 novembre

La mappa di downdetector raccogli e disguidi e disservizi in tutta Italia: la situazione illustrata non è delle più rosee (con diverse aree in rosso e arancione a testimoniare la forte incidenza delle segnalazioni fatte):

Il 93% degli utenti segnala problemi legati all’accesso, confermando molto probabilmente i disservizi legati allo SPID per il login sul sito del Bonus Mobilità (in down da questa mattina, giorno del famigerato click day).

I commenti presenti nella pagina di downdetector evidenziano infatti l’impossibilità degli utenti in possesso dello SPID di Poste Italiane di effettuare l’accesso, perdendo così la possibilità e la priorità d’accesso al Bonus Mobilità.

Il profilo Twitter di Poste Italiane segnala innumerevoli problemi di accesso tramite lo SPID ma la risposta dell’ente nazionale è sibillina e standardizzata, rimandando a al consulto del servizio clienti (che difficilmente potrà aiutare l’utente a riavere la priorità acquisita).

Iscriviti alla newsletter

Money Stories